A scuola con noi! a cura di Chiara Vergani e Sarah Dandrea

A scuola con noi

ll mondo incantato dei libri è fiero e orgoglioso di aver dato il patrocinio a un progetto sociale di integrazione: A scuola con noi! Un ebook didattico diretto ai profughi ucraini che hanno difficoltà con la lingua.

Link per ottenere l’ebook

Un testo diretto agli studenti ucraini, un aiuto a proseguire gli studi nel nostro paese.

È nata una profonda e proficua collaborazione fra diverse Associazioni italiane, comuni, emittenti televisive e radiofoniche per operare in campo culturale e sociale:

Radio web Involo – San Marino

Radio web Ulisse – Campania

La Casa del Menestrello – Matera

Associazione Peter Pan Attività Ricreative Due Livenze APS – San Stino di Livenza

Ap-prendiamo insieme ASD-APS – San Stino di Livenza

AICS Associazione italiana sport e cultura – Venezia

Patrocinio del Comune di San Stino di Livenza (VE)

 Il mondo incantato dei libri – Blog Culturale – Napoli

La Corte di Felsina – Associazione Arte e Cultura – Bologna

Migr-Azioni per il cambiamento – Eboli

Associazione Panorama – Pordenone

Associazione Pro Loco di Biancavilla – Catania

Difensore dell’infanzia e dell’adolescenza APS – Siracusa

Associazione Santa Lucia – Pordenone

Associazione culturale Dialogo – Salerno

Associazione MARIarte – Valvasone Arzene – Matera – Salerno – Polla – Cassano

Tutti insieme sosteniamo l’ingresso in Italia dei profughi ucraini fuggiti dalla guerra e siamo loro vicini in questo drammatico periodo. Pensiamo sia importante metterli in condizione di dialogare e comunicare i bisogni in tempi rapidi. Proprio per questo abbiamo pensato alla realizzazione di un ebook a loro dedicato di facile consultazione. La scrittrice dott.ssa Chiara Vergani sensibile da sempre alle tematiche sociali, si è resa disponibile con l’ausilio della traduttrice dott.ssa Sarah Dandrea per comporre ed elaborare il testo “A scuola con noi!

PRESENTAZIONE DEL LIBRO

L’idea di scrivere questo testo è scaturita in noi dal desiderio di vicinanza nei confronti delle bambine e bambini, ragazze e ragazzi ucraini provenienti dalle zone di guerra. Un piccolo contributo il nostro che speriamo possa essere di ausilio per un inserimento proficuo nelle nostre scuole. L’intenzione è di agevolare la continuità del loro percorso scolastico.

La grave situazione di conflitto degli ultimi tempi corredata dalle notizie dei mezzi di informazione e dei social media ha costretto tutti noi in ogni parte del mondo, ad affrontare la problematica della guerra. Le immagini e i reportage che ci giungono dalle città dell’Ucraina provocano disperazione, senso di impotenza e spesso incapacità di approntare l’argomento con le bambine e i bambini a scuola. In classe gli alunni pongono domande quali: “Maestra, perché non si può vivere tutti in pace?” e ancora “La guerra è una brutta cosa, perché mia zia non riesce a venire a casa nostra in Italia?”. Come rispondere? La psicologia ci spiega che nella prima infanzia la capacità di affrontare e riconoscere il dramma della guerra non è sostenibile per lo sviluppo neuro cerebrale di un bambino/a e che l’unico risultato che si rischia di ottenere, parlandone, è quello dell’angoscia, del panico e della paura di ritrovarsi, da soli e senza protezione genitoriale, nelle stesse immagini che i media propongono. Pertanto, è meglio iniziare a parlarne nella seconda infanzia, cercando di tutelare le emozioni. La pedagogia ci insegna che è fondamentale operare un intervento rispetto alla sfera emotiva-affettiva e cognitiva che consenta di superare il blocco emotivo-cognitivo provocato dal trauma, al fine di riportare equilibrio.

Questo testo nasce, dunque dalla necessità di favorire immediatamente l’inclusione degli studenti provenienti dalle zone di guerra Ucraina nelle nostre scuole. È fondamentale programmare al momento dell’introduzione a scuola un efficacie supporto linguistico di prima alfabetizzazione –Livello 1 – Livello 2 in base alle situazioni comunicative reali di ciascun alunno straniero.
Vogliamo offrire una sorta di pronto intervento linguistico atto ad agevolare il bisogno primario di comunicare da parte degli studenti ucraini con compagne/i ed insegnanti: questa è la fase relativa all’apprendimento dell’italiano orale, della lingua da usare quotidianamente per esprimere bisogni e richieste, per comprendere ogni tipo di informazione e consegna. Siamo a un primo approccio con la lingua italiana, a cui faremo seguire un ulteriore passaggio di livello dell’apprendimento della lingua orale e scritta dedicata alla sfera espressiva di stati d’animo, alla possibilità di narrare esperienze e vissuti personali.

Obiettivi del progetto
• Favorire un clima di accoglienza per l’inserimento e l’integrazione degli studenti nel nuovo ambiente scolastico
• Operare ai fini della centralità dell’alunna/o per renderla/o protagonista e inclusa/o nelle nostre scuole
• Agevolare l’apprendimento della lingua italiana per comunicare a scuola
• Sviluppare la socializzazione, la cooperazione, l’aiuto e il rispetto reciproco al fine di creare rapporti di conoscenza e amicizia
• Consentire il proseguimento del percorso scolastico e favorire la resilienza

Obiettivi specifici
Gli obiettivi didattici riguardano l’apprendimento delle quattro abilità fondamentali: ascolto, parlato, lettura, scrittura.

STRUTTURA DEL TESTO

 Il libro si snoda attraverso un percorso rappresentativo delle diverse situazioni quotidiane in cui possono trovarsi inseriti le nuove alunne e alunni ucraini. Abbiamo abbinato ogni vocabolo e frase a immagini specifiche, in modo da favorire la comprensione lessicale e dunque rendere proficuo l’apprendimento mediante la comunicazione reale all’interno del gruppo classe finalizzata all’inclusione e all’inserimento nella nuova realtà scolastica nel modo meno drammatico possibile, permettendo all’alunna/o neoarrivato di apprendere velocemente un lessico di base atto a veicolare i primi contatti con i compagni e con i docenti. La traduzione in italiano ucraino, inglese è stata scelta per venire incontro alle esigenze di tutti.

Le strategie adottate nel testo mirano a rendere meno forte il disagio iniziale e il senso di isolamento, in funzione di una comunicazione più rapida. I docenti hanno il compito di mettere in campo un percorso in grado di offrire sostegno ai bisogni immediati di comunicazione dei nuovi alunni. Questo testo è dunque un breve manuale di cui fruire nel primo periodo di alfabetizzazione e di inserimento nel nostro contesto scolastico, sociale e culturale. È uno strumento funzionale come supporto pratico per gli studenti ucraini e ausilio alle competenze professionali ed empatiche agli insegnanti.

SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO E UCRAINO A CONFRONTO

Per un buon inserimento nella scuola italiana, è bene conoscere il sistema scolastico ucraino, al fine di accompagnare l’ingresso degli studenti nelle classi nel modo più proficuo. In Ucraina la scuola è obbligatoria dai 6 ai 18 anni. In genere l’insegnamento è pubblico, gratuito e laico. Il sistema scolastico ucraino è formato tre livelli: primario, secondario inferiore e secondario superiore. Dal 2018 l’educazione primaria e secondaria superiore (povna serednia skola) è gestita su 12 anni, rispetto agli 11 precedenti. I bambini cominciano la scuola a 6-7 anni. Nella nona classe si studiano le seguenti discipline: lingua ucraina, letteratura ucraina, inglese o tedesco, letteratura estera, storia dell’Ucraina, storia estera, diritto, arte, algebra, geometria, biologia, geografia, fisica, chimica, tecnologia, informatica, educazione fisica. Dopo la nona classe i discenti possono scegliere se proseguire per altri anni nella POVNA SEREDNIA SKOLA, per giungere poi all’università, o scegliere di iscriversi al: liceo, ginnasio, istituto tecnico, istituto professionale o collegio.

Sistema scolastico e livelli in Ucraina – “Шкільна система та ступені в Україні”: La Primaria – I livello

La Primaria in Ucraina è denominata di “I livello – primario” “Початкова середня освіта І ступінь” e ha una durata di 4 anni. Quest’anno risultano iscritti gli alunni nati tra il 2012 e il 2015. Nel dettaglio i nati nel 2015, 6-7 anni, saranno inseriti nella Primaria classe prima della scuola italiana; quelli nati nel 2014, 7-8 anni, nella classe seconda; quelli nati nel 2013, 8-9 anni, la classe terza; quelli nati nel 2012, 9-10 anni, la classe quarta della scuola Primaria in Italia.

Alla fine della quarta classe i bambini ucraini affrontano un esame sulle seguenti discipline: ucraino e lettura, matematica, scienze naturali.

II livello – secondario 5 anni: Базова середня освіта ІІ ступінь

Sono iscritti a questo Ciclo i discenti Ucraini nati fra il 2007 e il 2011. Al loro arrivo in Italia devono essere inclusi in questo modo: I nati nel 2011 di età compresa tra 10-11 anni, nella classe quinta; i nati nel 2010, tra gli 11-12 anni, nella scuola Secondaria di primo grado, nella classe prima; i nati nel 2009, tra i 12-13 anni, nella classe seconda; i nati nel 2008, 13-14 anni, nella classe terza. I nati nel 2007, tra i 14 e i 15 anni, nella scuola Secondaria di secondo grado, classe prima. Al termine della nona classe gli studenti sostengono un esame sulle seguenti materie: ucraino, matematica e una disciplina a scelta. Procedono poi individuando un indirizzo del sistema scolastico ucraino sottoindicato.

Secondaria superiore III livello: Повна середня освіта ІІІ ступінь

Gli allievi ucraini arrivati in Italia, nati nel 2006, quindi di età fra 15 e 16 anni, verranno inseriti in una seconda classe a scelta fra licei, istituti tecnici, istituti professionali e in percorsi di istruzione e formazione/CFP.

Istruzione superiore in Ucraina: I licei hanno un percorso di 2 o 3 anni, al termine del quale gli studenti ottengono un attestato che offre l’accesso ad altri livelli d’istruzione quali università e/o accademia.

La povna serednia skola: La scuola secondaria completa ha la durata di 2- 3 anni. Alla fine del percorso degli studi viene rilasciato un attestato. Le discipline insegnate sono: lingua ucraina, letteratura ucraina, inglese o tedesco, letteratura straniera, storia dell’Ucraina, storia estera, algebra ed analisi, geometria, biologia ed ecologia, geografia, fisica ed astronomia, chimica, educazione fisica, e una materia a scelta tra arte, informatica o tecnologia; educazione civile.

Gymnazia: Il ginnasio ha la durata dai due ai sette anni. Dopo la scuola primaria si possono continuare gli studi presso il ginnasio per 7 anni, oppure, dopo il conseguimento dell’esame della scuola secondaria inferiore, per 2 anni. Al termine del percorso di studi viene conseguito un attestato utile per accedere ad altri livelli d’istruzione quali università e accademia. Le discipline insegnate sono: lingua ucraina, letteratura ucraina, inglese, seconda lingua straniera, letteratura straniera, storia dell’Ucraina, storia estera, algebra ed analisi, geometria, biologia ed ecologia, geografia, fisica ed astronomia, chimica, educazione fisica, tecnologia.

Secondaria superiore III livello – tecnico: I nati nel 2005 che hanno fra 16 e17 anni, possono iscriversi alla classe terza degli istituti tecnici, istituti professionali, istruzione e formazione, CFP e CPIA. I nati nel 2004, 17-18 anni, invece, nella classe quarta degli istituti tecnici, istituti professionali, istruzione e formazione, CFP e CPIA.

Technikum in Ucraina: L’istituto tecnico in Ucraina rappresenta un percorso triennale con diploma finale che consente l’iscrizione all’università e accademia. Si può accedere direttamente al terzo anno dell’università. Le discipline insegnate dipendono dall’indirizzo scelto, ad esempio: pedagogico, tecnico-industriale.

Profesijo – technichne uchylyshche: Pure l’istituto professionale in Ucraina ha la durata di 3 anni con diploma finale. Dà accesso ad altri livelli d’istruzione (università e accademia). Si può accedere al terzo anno dell’università. Le materie insegnate sono correlate all’indirizzo scelto, per esempio: pedagogico, tecnico-industriale, medico, artistico, alberghiero, costruzione ambiente e territorio.

Koledzh: Il college ha la durata di 3 anni. Alla fine del percorso degli studi viene rilasciato il diploma. Permette l’accesso ad altri livelli d’istruzione (università, accademia.) Le discipline insegnate dipendono dall’indirizzo scelto: pedagogico, tecnico-industriale, medico, artistico. Alla fine del percorso si consegue la laurea che equivale ai primi tre anni dell’Università in Italia.

Pubblicato da Elisa Santucci

Sono Elisa Santucci, fondatrice ed amministratrice dall'8 luglio 2016 . Il blog nasce dalla mia passione per i libri da sempre, dalla voglia di parlarne e fare rete culturale, perché io penso che il web, i blog, i social si possono usare in tanti modi, io ho scelto di creare un'oasi culturale. io sono pienamente convinta che leggere ci insegna a pensare e a essere liberi. "Leggere regala un pensiero libero come un volo di farfalle, un’anima con i colori dell’arcobaleno , forza e creatività" è il mio motto. Editor freelance, correttore di bozze, grafica. Servizi editoriali .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.