Accadde oggi – 13 Settembre 1916 nasce lo scrittore Roald Dhal

Accadde oggi - 13 Settembre 1916 nasce lo scrittore Roald Dhal
Immagine in pubblico dominio

Roald Dahl, al pari del quasi contemporaneo Gianni Rodari, è stato lo scrittore che ha
maggiormente innovato la letteratura per ragazzi.


James e la pesca gigante, La fabbrica di cioccolato, il GGG, Matilde, Le streghe sono
alcuni dei titoli più noti della sua produzione artistica.
Oltre che scrittore Dahl è stato aviatore, inventore, sceneggiatore di diversi film tratti dai
suoi libri, nonché autore del soggetto del film “Gremlins” prodotto da Steven Spielberg.
La sua vita è stata contrassegnata da molti lutti e dolori, ma è stata anche a tratti
avventurosa e stupefacente.
Dahl nasce nel Galles da genitori norvegesi, ma, dopo la morte del padre, viene mandato in
collegio, sperimentando sulla sua pelle la severità dell’educazione impartita dai collegi
britannici. Dopo la fine del corso di studi trova impiego alla Shell, e, grazie a questo
lavoro, può realizzare il suo desiderio di viaggiare. Trascorre 4 anni nelle colonie
britanniche in Africa e allo scoppio della seconda guerra mondiale si arruola nella Royal
Air Force e ben presto diventa tenente pilota. Combatte in Grecia, in Siria, ma durante un
volo in Libia è costretto ad un atterraggio di fortuna e, a seguito del grave incidente,
subisce diverse fratture al cranio e rimane senza vista per alcuni mesi.
Ritornato in Inghilterra per la convalescenza, viene inviato all’ambasciata britannica a
Washington come addetto diplomatico, ma in realtà si ritrova a svolgere un ruolo di
propaganda e di spionaggio.
Negli Stati Uniti scopre la sua vocazione di scrittore, pubblicando nel 1942 una storia per
bambini.
Nel 1953 sposa Patricia Neal, attrice molto famosa all’epoca, da cui avrà cinque figli .
Anche la sua vita coniugale sarà funestata da lutti e tragedie: la figlia di sette anni muore
per le complicazioni del morbillo, il figlio neonato Theo subisce una gravissima frattura
cranica che gli provoca l’idrocefalia.
Qui scopriamo un altro aspetto della poliedricità di questo sorprendente scrittore: insieme
ad un medico e ad un ingegnere inventa la valvola WDT (Wade/Dahl/Till) un meccanismo
che rende meno doloroso il drenaggio del liquido cerebrale in caso di idrocefalia. I tre
inventori decidono di non percepire alcun guadagno derivante da questa invenzione.
Tornato in Inghilterra, Dahl si sposa in seconde nozze con Liccy che lo incoraggia
moltissimo e dà grande impulso alla sua creatività. Proprio in questo periodo lo scrittore
pubblica i suoi migliori libri quali “Matilde”, “il GGG” e “Le streghe”.
Liccy gli rimarrà accanto fino alla morte avvenuta il 23 novembre 1990.
Quasi tutti i proventi delle sue opere sono stati devoluti ad opere assistenziali britanniche.
Roald Dahl era un attento osservatore del mondo infantile, capiva i bambini e li guardava
con gli occhi del bambino. Probabilmente dentro era rimasto ancora fanciullo, quel
fanciullo che aveva visto morire il padre troppo presto e che aveva subito punizioni e
vessazioni nel collegio in cui studiava.
Per divertire i bambini, il registro che lo scrittore sceglie per le sue storie è quello
dell’ironia e dell’umorismo che porta il protagonista delle sue storie a risolvere
brillantemente tutti i problemi, con l’aiuto di qualche piccola magia e di mezzi fantastici.
Anche se le tematiche dei suoi libri sono molto tristi (c’è quasi sempre un orfano vessato

dagli adulti o bambini non capiti da genitori inadeguati), il linguaggio ironico e
dissacrante, la fantasia sfrenata e le situazioni surreali, trasformano il racconto in un
piccolo viaggio fantastico al di fuori della brutale realtà.
Il male esiste e i bambini ne devono essere consapevoli, ma se si guardano le cose con
occhi diversi, come quelli della fantasia o della magia, il male si può trasformare in una
straordinaria opportunità.
Il linguaggio che Dahl sceglie per i suoi libri è originale e creativo, ricco di piccoli versi e
di nonsense, irriverente e ribelle nei confronti di alcune figure adulte negative, irrispettoso
talvolta, perchè il piccolo eroe del suo racconto sa che è nel giusto ed è consapevole dei
propri diritti.
Se volete che i vostri ragazzi leggano storie divertenti e al contempo intelligenti e piene di
arguzia, allora non deve assolutamente mancare nella loro libreria un libro di Roald Dahl.

Pubblicato da Anna Gelardi

Avvocato per tradizione familiare, lettrice per passione. Tirata per i capelli in questa avventura del blog dalla mia amica Rita, ci sto prendendo gusto. D’altronde è quello che ho sempre fatto fin da piccola: leggere, leggere, leggere. Spero di essere all’altezza delle aspettative e di riuscire a stimolare alla lettura tutti coloro che vorranno seguirmi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.