Amarga – Una nuova indagine per Titta Longano, Paola Iannelli

Amarga

Amarga – Una nuova indagine per Titta Longano di Paola Iannelli, edito Homo Scrivens

Amarga – Una nuova indagine per Titta Longano

“Il peso di un segreto è difficile da contenere, alberga in quello spazio angusto in cui cerchiamo di segregare la coscienza”.

Una nuova indagine per Titta Longano? Il sottotitolo mi rivela che mi sono già perso qualcosa, perché per me è la prima che mi ritrovo a leggere e, una volta arrivata alla fine del libro, avrò la certezza di voler recuperare.

Il desiderio di leggere un bel noir è stato pienamente appagato e di esso ho amato tutto, compresa la postfazione e l’intervista all’autrice, che hanno completato, con mia sorpresa, l’opera, offrendomi nuovi elementi di conoscenza che mi hanno fatto capire e apprezzare ancor di più quanto avevo appena letto.

Condivido anche la scelta della scansione in capitoli brevi, (sessantacinque complessivamente, tra cui quattro frammenti di diario), con dei titoli-parole chiave che, rivisti alla fine, ci rivelano l’iter di tutta la storia, come una catena di parole che racchiude i significati più profondi, esplorati con la lettura.

In “Amarga” le storie si intrecciano, a partire dalla scomparsa di Mirko Rizzuti, il traceur che insieme a Lorenzo, Seby e Cross, pratica il Kiama Parkour. Sono “quei giovani che per sport, per pura sfida, si lanciano da un palazzo all’altro, saltano come canguri, a volte si aiutano con delle funi, altre no.”

Ma questa volta il suo volo a cosa può far pensare? Suicidio? Morte accidentale? Crimine?

Tutte ipotesi da verificare, di cui si farà carico la brigadiera Titta Longano insieme alla sua squadra.

Ci ritroviamo con una matassa di fili ingarbugliati che la scrittrice abilmente ci conduce a seguire, riuscendo a dare a ciascuno una sfumatura di colore tale da poterlo poi riconoscere.

Il susseguirsi di scene ed eventi sul filo delle relazioni interpersonali e la narrazione di microcosmi familiari e sociali sono così interessanti da non far disperdere l’attenzione anche in presenza di misteri e intrighi di inattesa complessità.

Stile ed eleganza sono il binomio che caratterizza la narrazione, con quell’accurata descrizione di ambienti e di personaggi che consente al lettore di vivere le storie in una Napoli con i suoi colori, con la sua spontaneità, dove ogni quartiere ha un’anima buia, e nello spazio di pochi metri cambia tutto.

Tamara, (Amarga come l’hanno chiamata le amiche della band), ‘o Lord, Igor, Sofia, Francesco, tutti personaggi interessanti…

Quali e quante anime tormentate incontriamo? Riusciamo a riconoscerle? Quella giovane donna in copertina che nasconde il volto cosa vorrà mai comunicarci?

Riesce difficile seguire i sogni e i tormenti di ciascuno.

Tanti i colpi di scena! Confesso che più volte avrei ceduto alla tentazione di saltar qualche pagina per andare a sbirciare la soluzione del caso, anche per verificare le mie intuizioni.

Tre anni prima dell’accaduto a cueva di San Pablo il Maestro a Mirko aveva detto: “Sei figlio del vento e la sete di verità stabilirà la tua fine”.

Quale significato avevano le sue parole?

Un libro assolutamente da leggere!

“La follia è un filo di piombo che si trasforma in seta, ti abbraccia e ti avvolge come un boa velenoso, trasforma l’integrità del tuo essere e ti guida all’azione.”

Maria Teresa Lezzi Fiorentino

La morte, apparentemente accidentale, del giovane Mirko Rizzuti, appassionato di parkour, l’arrampicata urbana, catapulta il maresciallo De Mattei e la brigadiera Longano in un dramma profondo, nero, impossibile. Un’indagine che si snoda fra due quartieri di Napoli, prossimi ma ambivalenti: i Quartieri Spagnoli e la collina di Posillipo, e un gruppo di giovani traceurs che inseguono un sogno dettato dalla libertà e dalla fuga. Fughe, amori, intrighi sono gli ingredienti di questo noir partenopeo dai colori forti, simboli di una Napoli drammatica e malinconica, ma così bella da spezzare il fiato.

Autore: Paola Iannelli

Editore: Homo Scrivens

Collana: Direzioni immaginarie

Anno edizione: 2022

In commercio dal: 12 maggio 2022

Pagine: 216 p., Brossura

EAN: 9788832782592

Pubblicato da Maria Teresa Lezzi Fiorentino

Maria Teresa Lezzi Fiorentino vive a Lecce, sua città natale, dedicandosi alla famiglia e al lavoro. Coltiva da sempre due grandi passioni, lettura e scrittura, per sé e per tutti coloro ai quali riesce a trasmettere il proprio entusiasmo. Il fulcro intorno a cui hanno ruotato i suoi scritti, articoli e recensioni, è stato per lungo tempo l’assetto metodologico-didattico, con un’attenzione particolare alla sfera emozionale e al benessere degli alunni. Dopo un appassionante percorso professionale in varie scuole del Salento, che ha visto l’autrice insegnante di scuola materna, psicopedagogista e docente di materie letterarie, nel 2018 avviene la svolta ed inizia una nuova stagione della vita,in cui la scrittura privilegia la narrazione, partendo dalla quotidianità e dalla memoria del tempo vissuto. È tempo di racconti brevi, lettere, autobiografie e recensioni. Sono dell’autrice, pubblicati con Youcanprint:Di vita in vita, La via maestra, Spigolando tra i ricordi, Passo dopo passo … e altri racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.