Arsenio Lupin – Il segreto della guglia di Maurice Leblanc

“…non si è mai troppo entusiasti, caro signore, di fronte a individui simili. Tutto ciò che si innalza al di sopra della media, merita ammirazione. E quell’uomo si libra molto, molto più in alto…”

Tratto da “Arsenio Lupin. Il Segreto Della Guglia”

Immergermi nella lettura di questo avvincente romanzo, mi ha concesso di poter fare uno strepitoso tuffo nel passato: da piccola guardavo con profondo interesse e meraviglia le avventure di questo personaggio sui generis. Arguto, furbo, loquace, camaleontico, sfuggente e geniale, terribilmente geniale! E questo libro riesce a risaltarne perfettamente tutte le caratteristiche in modo eccelso!

Nel castello di Ambrumésy, oltre le scogliere di Normandia, vive il conte Gesvres, con la figlia Suzanne e la nipote Raymonde de Saint-Véran, rimasta orfana di entrambi i genitori. Tutto scorre serenamente, fino a quando un episodio increscioso sconvolge le vite degli abitanti del palazzo: qualcuno, in piena notte, si è introdotto in casa e ha presumibilmente ammazzato Jean Daval, segretario e uomo di fiducia del conte. Le fanciulle, che si erano destate a causa dei rumori, sapevano che molto probabilmente l’autore del delitto non poteva essere lontano e dunque, armata di insolito coraggio, Raymonde, imbracciato un fucile e affacciatasi alla finestra, spara su una losca figura che si appresta ad allontanarsi velocemente nelle tenebre, ferendolo. Alle indagini prende parte anche un giovane studente e aspirante investigatore, Isidore Beautrelet, che comprende rapidamente che dietro questo crimine possa celarsi un personaggio dall’intelligenza sopraffina, in grado di cambiare di continuo identità e di prendersi gioco della giustizia: Arsenio Lupin, il ladro gentiluomo. Le intuizioni del giovane vanno ben oltre le esperienze maturate negli anni dai poliziotti. Lupin lo riconosce e non può non ammirare la scaltrezza e l’audacia del diciassettenne, tanto da incontrarlo e sottolineare alcune caratteristiche peculiari della sua personalità:

“…Del resto, non conosci neppure le infinite risorse che ho in me… tutto ciò che la mia volontà e la mia immaginazione mi permettono di osare e ottenere. Prova a figurarti che la mia intera esistenza-da quando sono nato, potrei persino dire-è tesa a un solo fine, e che ho lavorato come uno schiavo per diventare ciò che sono e per plasmare, in tutta la sua perfezione, l’individuo che avevo in mente e che, alla fine, sono riuscito a creare. Insomma… cosa puoi fare, tu? Ogni volta che crederai di avere la vittoria in pugno, ti sfuggirà… ci sarà sempre qualcosa a cui non avevi pensato… un’inezia… il granello di sabbia che avrò sistemato nel punto giusto, a tua insaputa… Te ne prego, rinuncia… o sarò costretto a farti del male, e mi dispiacerebbe infinitamente…”

Intanto, sparisce misteriosamente anche la nipote del conte, Raymonde. Mere coincidenze? O ancora una volta dietro c’è lo zampino di Lupin? E in sostanza, cosa era riuscito a trafugare dal castello? Una escalation di vicende si susseguono in rapida successione, facendo lievitare nel lettore un’adrenalina irrefrenabile, che lo conduce a varcare la soglia di un segreto storico secolare, di cui solo pochi eletti sono a conoscenza. Pochi, Lupin compreso…

Stilisticamente perfetto, questo romanzo è degno di essere annoverato tra i migliori che io abbia letto negli ultimi tempi: avvincente, sorprendente, a tratti esilarante. La narrazione è estremamente coinvolgente, la tecnica eccellente. Incuriosisce, rapisce, intriga. Molti anche gli elementi sorprendenti, che acuiscono nel lettore la voracità e l’avidità di arrivare alla fine senza riuscire a staccarsene. Un bellissimo libro, di cui consiglio certamente la lettura, per l’estate che si appresta ad arrivare e non solo!

Fabiana Manna

Descrizione

l romanzo originale di Maurice Leblanc: una nuova avventura per il ladro gentiluomo più famoso di Francia.

Dramma al castello del conte de Gesvres: uno sconosciuto, avvistato durante la notte all’interno della proprietà, viene sorpreso da un colpo di fucile. Poco dopo, la nipote del nobile risulta scomparsa. Arsenio Lupin ha colpito ancora? Isidore Beautrelet, brillante studente e aspirante detective, decide di condividere le informazioni in suo possesso con la polizia e mettersi sulle tracce del fuorilegge più scaltro di tutti i tempi. Gli indizi conducono le indagini all’enigma della guglia vuota, un segreto antichissimo che cela tesori dal valore inestimabile, di cui soltanto i re di Francia sembrano essere a conoscenza…

L’autore

(Rouen 1864 – Perpignan 1941) scrittore francese. Giornalista e autore di racconti ameni, ha conosciuto larga notorietà con i romanzi che hanno per protagonista Arsène Lupin, il ladro-gentiluomo: Arsène Lupin ladro-gentiluomo (Arsène Lupin, gentleman cambrioleur, 1907), Arsène Lupin contro Herlock Sholmes (Arsène Lupin contre Herlock Sholmes, 1908), I tre delitti di Arsène Lupin (Les trois crimes de Arsène Lupin, 1917) ecc.

Scheda libro

COLLANA : LIBRI
GENERE: Narrativa generale, Letteratura
EAN 9791259570505
PAGINE 304

Pubblicato da Fabiana Manna

Salve! Sono Fabiana Manna e adoro i libri, l’arte, la musica e i viaggi. Amo la lettura in ogni sua forma, anche se prediligo i thriller, i gialli e i romanzi a sfondo psicologico. Sono assolutamente entusiasta dell’idea della condivisione delle emozioni, delle impressioni e delle percezioni che scaturiscono dalla lettura e dalla cultura. Spero di essere una buona compagna di viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.