Farràgine di Marco Amore

Farràgine di Marco Amore, edito Samuele Editori.

A grande sorpresa la mitologia, la storia, la letteratura sposano una poesia innovativa e moderna.

Sorprendente il puzzle di emozioni che l’autore è riuscito ad assemblare tra le pagine di questo libro.

I  versi sono del tutto originali, attraverso un ponte invisibile Marco Amore collega periodi di storia dislocati nel tempo e li allinea al presente con quella naturalezza che gli fa veramente onore.

Da subito si percepisce la qualità di questa silloge poetica; il livello di scrittura è alto e il linguaggio molto ricercato, meritevole di corpose interpretazioni.

Si parla di un “viaggio”, benedetto dalla festività della religione romana, celebrata in onore di Nettuno ( Dio delle acque e dell’irrigazione). Ci sono collegamenti con la Divina Commedia di Dante Alighieri, vengono citati i fiumi Leta ( fiume dell’oblìo nella mitologia greca e romana)  e Acheronte (che scorre tra l’Antinferno e il Limbo, ove le anime dannate devono attraversare sulla barca del traghettatore Caronte).

“ I Nettunalia  sono compiuti. Quanti oboli ho pagato al traghettatore? Tuttavia si è rifiutato di recapitarmi sulle opposte, cupe rive dell’Acheronte”.

( Ricordiamo che nella Grecia antica l’obolo era una piccola moneta “ spiedo di ferro”).

L’autore ci presenta un amore maledetto, un amore complice di un finale avverso. Un sentimento che trova sollievo tra un bicchiere di liquore e approfondite riflessioni. Il passaggio dal bene al male è un attimo, il tragitto tra il passato e il presente è realtà sconvolgente.

Il poeta chiede amore, gocce di pura essenza; prega i fiori, supplica la poiana, prova a elemosinarlo anche da una donna, ma purtroppo fiori non si schiudono, l’uccello prende il volo e la donna mortifica cuore e animo dello scrittore.

“ Ho chiesto a una donna di amarmi e lei mi ha deriso”. Gin e grappa hanno saziato il mio orgoglio. Ogni sua occhiata è una risata. Ogni suo pensiero uno sberleffo”.

Una donna che viene presentata come una “ Cenerentola a rovescio” che, prepotentemente cambia il finale della favola, per poi presentarsi come la “ donna moderna virtuale” dei nostri tempi.

”La mia donna non è mia. La mia donna è su internet”.

Veramente notevole la capacità dell’autore nel suo cantare pensieri apparentemente difficili e lontani, fino a dare loro una forma tra i meandri della nostra mente.

Ma Marco Amore vuole anche scuotere le coscienze di chi sta dall’altra parte e lo fa lasciando il palcoscenico alla politica.

“ I politici sono coloro che fanno la carità per spingere i poveri a farla e in seguito derubarli dell’intera somma”.

Parole molto forti alle quali penso non occorra aggiungere altro!

Si avverte un forte senso di smarrimento e di abbandono; predomina un bisogno di certezze che trova un po’ di sollievo tra volti puri dell’infanzia.

 “ Io sono l’orfano della materia. Ho guardato una bambina mi ha sorriso e l’ho servita. Sarò cameriere di quel sorriso per l’eternità”.

Sicuramente quello di Marco Amore è un libro molto particolare che, all’inizio, rischia di non essere ben apprezzato, ma una seconda lettura permetterà l’accesso alle vie del suo pensiero.

Complimenti all’autore!

Titolo : Farràgine

Autore : Marco Amore

Editore : Samuele Editore

Prezzo : € 12

Marco Amore

Marco Amore (Benevento, 1991) nel 2010 pubblica il suo primo romanzo, scritto all’età di sedici anni, cui fanno seguito tre raccolte di racconti. Dal 2013 è attivo nel mondo dell’arte contemporanea come curatore di mostre in spazi pubblici e gallerie private, sia in Italia che all’estero. Di recente ha esposto, con il pittore Angelo Zanella, presso la Biblioteca Nazionale “Vittorio Emanuele III”, sez. Americana e Venezuelana, di Palazzo Reale, Napoli, un taccuino per parole e segni sulle orme di Henry David Thoreau. Vanta pubblicazioni di vario genere su testate online e riviste cartacee. Nel 2015 si classifica 1° (sez. poesia under 30) alla IV edizione del premio Michele Sovente. Dal 2017 conduce la rubrica “Prosit! L’arte come indicatore sociale” per Il Foglio Letterario.

La descrizione del libro

“Farràgine”, o arcaicamente “farràggine”, è un termine che designa un ammasso di erbe diverse, comunemente dato al bestiame, ma designa anche più comunemente il farro. Ci troviamo di fronte, letteralmente, a un ‘libromassa’, è bene dirlo subito, e credo che non ci siano facili apparentamenti con altri autori coetanei di Marco Amore (pur nei limiti che un libro d’esordio può avere), in quanto a struttura della materia trattata, in quanto a stile, in quanto a luoghi in cui il lettore viene trascinato da una corrente immaginativa sincopata e inarrestabile. è un libro contraddittorio, questo, perché ha movenze da summa e insieme da sacello di aforismi; ha la sostanza delle strutture calcaree, ma insieme la concrezione della ressa che preme, rigetta, stritola, spezzetta, e fa emergere frammenti, capovolgimenti, interrogazioni. tutto ciò è tanto più sorprendente se si pensa che il testo risale al 2011, quando l’autore aveva 20 anni.

dalla prefazione di Giovanna Frene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.