Figli dello stesso fango , Daniele Amitrano

Figli dello stesso fango, Daniele Amitrano

Autore: Daniele Amitrano

Titolo: Figli dello stesso Fango

Editore: 13Lab

Collana: IAm

Anno: 2016

Pagg. : 202- Brossura

Prezzo: €.13,00

Lettura scorrevole, libro interessante, ambientato in un territorio non facile per antonomasia, ricco di personaggi diversi ma uguali… adolescenti alle prese con le prime dinamiche esistenziali, i primi amori, le prime esperienze in senso lato non sempre piacevoli e spesso sbagliate. Storie e personaggi che si intersecano ma con lo stesso filo conduttore. Scelte che ti segneranno per la vita fatte con l’incoscienza dell’età e dove il confine è labile tra “rialzarsi dal fango” o farsi trascinare fino in fondo.

“…La vita ci pone spesso di fronte a un bivio. Il problema è quando si vede solo l’inizio di entrambe le direzioni …”

Un romanzo dove il passato si intreccia col presente in una sorta di lettura a ritroso fino a proiettarsi in un finale che non ti aspetti e la cui drammaticità ti riporta a rivivere mentalmente la storia di ogni singolo personaggio.  Il libro che ogni adolescente, e non solo, dovrebbe leggere e che ad ogni genitore potrà servire da “campanello d’allarme” nell’osservare quei comportamenti spesso sottovalutati.

Teresa Anania

Daniele Amitrano

Daniele Amitrano nasce a Formia (LT) il 14 febbraio 1982. E’ sposato e ha due figli. Maresciallo ordinario dell’Esercito, lavora attualmente per il Nizza Cavalleria (1°) di stanza a Bellinzago Novarese (NO). Diplomato in Ragioneria, consegue nel 2006 una Laurea in Scienze Organizzative e Gestionali e una seconda Laurea in Scienze Politiche nel 2013. Pubblica due raccolte di poesie tra il 2005  e il 2007 . Tra il 2006 e il 2015 le sue poesie sono state insignite di vari premi letterari.

TRAMA

Una telefonata misteriosa annuncia ad Andrea una morte di overdose. Lui, un giovane e affermato giornalista residente a Milano, decide di tornare nel suo paese dopo circa dieci anni. Il ritorno nella casa dove ha vissuto la sua adolescenza lo fa affondare nell’oscurità del tempo passato e rivivere eventi quasi del tutto dimenticati. Nel suo flashback ripercorre varie tappe: il dramma della malattia del fratello, afflitto da schizofrenia; la ricerca di una via d’uscita dalla monotonia della piccola realtà di provincia e il fascino dei ragazzi più grandi che appaiono imbattibili; la ricerca del prestigio sociale attraverso falsi miti generazionali, come la droga e la violenza; le leggi non scritte del branco. È un periodo di ribellione e di assoluta sete di libertà che induce il protagonista e i suoi amici a un escalation di eventi che li condurrà sull’orlo del baratro. Quando Andrea scopre l’identità del defunto, inizia la sua personalissima indagine. Incontrando gli amici d’infanzia, il giornalista scopre che la droga è sempre il filo conduttore degli eventi ma non è la sola protagonista che porterà all’epilogo inaspettato e drammatico.

Pubblicato da Teresa Anania

Eccomi..... Sono Teresa Anania, e ho una passione sfrenata per i libri. Un amore iniziato ad otto anni e cresciuto nel tempo. Amo scrivere e riversare, nero su bianco, emozioni, sentimenti e pensieri concreti e astratti. La musica è la colonna sonora della mia vita. Ogni libro lascia traccia dentro di noi e con le recensioni, oltre a fornire informazioni "tecniche", si tenta di proiettare su chi le leggerà, le sensazioni e le emozioni suscitate. Beh..... ci provo! Spero di riuscire a farvi innamorare non solo dei libri ma della cultura in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.