Gianni Rodari, il maggiore favolista del Novecento

Il 23 ottobre del 1920 veniva al mondo Gianni Rodari,  pedagogo e giornalista, considerato il maggiore favolista del Novecento e uno tra i migliori scrittori per ragazzi del XX secolo.  Nell’ anniversario della sua nascita, noi lo vogliamo ricordare con tre sue belle filastrocche.

 

Il Paese senza errori

C’era una volta un uomo che andava per terra e per mare
in cerca del Paese Senza Errori.
Cammina e cammina, non faceva che camminare,
paesi ne vedeva di tutti i colori,
di lunghi, di larghi, di freddi, di caldi,
di così così:
e se trovava un errore là, ne trovava due qui.
Scoperto l’errore, ripigliava il fagotto
e ripartiva in quattro e quattr’otto.

C’erano paesi senza acqua,
paesi senza vino,
paesi senza paesi, perfino,
ma il Paese Senza Errori dove stava, dove stava?

Voi direte: Era un brav’uomo. Uno che cercava
una bella cosa. Scusate, però,
non era meglio se si fermava
in un posto qualunque,
e di tutti quegli errori
ne correggeva un po’?

*****

Durante il temporale

Nel palo del telefono
il picchio legnaiuolo
s’è fatta una casuccia
dove sta tutto solo.

Quando il fulmine scoppia
e infuria l’uragano
e il tuono romba e brontola
rotolando lontano,

nel nido asciutto e tiepido
il picchio si rifugia,
ma un poco sulla soglia
a curiosar indugia:

vede passar la nuvola
gonfia di pioggia e nera,
vede l’oche selvatiche
migrar in lunga schiera…

Poi, se le gocce bagnano
la sua rossa cuffietta,
più dentro si ricovera
e, mentre il sole aspetta,
s’interessa, pettegolo,
alle conversazioni
che i fili del telefono
portan tra lampi e tuoni

******

Il treno degli emigranti

Non è grossa, non è pesante
la valigia dell’emigrante…
C’è un po’ di terra del mio villaggio,
per non restar solo in viaggio…
Un vestito, un pane, un frutto
e questo è tutto.

Ma il cuore no, non l’ho portato:
nella valigia non c’è entrato.
Troppa pena aveva a partire,
oltre il mare non vuole venire.

Lui resta, fedele come un cane,
nella terra che non mi dà pane:
un piccolo campo, proprio lassù…
Ma il treno corre: non si vede più.

*****

Tra i migliori scrittori per ragazzi del XX secolo, Gianni Rodari nasce il 23 ottobre 1920 a Omegna sul Lago d’Orta, il luogo in cui si erano trasferiti per lavoro i genitori originari della Val Cuvia nel Varesotto. Il piccolo Rodari frequenta le scuole elementari fino alla quarta nel paese natìo. A soli dieci anni, in seguito alla prematura scomparsa del padre, fornaio nella via centrale del paese, tutta la famiglia è nuovamente costretta a trasferirsi, questa volta a Gavirate, paese natale della madre; qui Gianni ha modo di completare gli studi per la licenza elementare. La povera donna rimasta priva del compagno può fortunatamente contare sull’aiuto di Gianni e dei suoi due fratelli Cesare e Mario: questi sono decisamente più vivaci di Gianni che viceversa è un bambino sensibile e piuttosto solitario, poco incline a stringere amicizia con i suoi coetanei. Tale è l’interiorità di Rodari e la sua intensa spiritualità, così diverso gli pare di essere rispetto ai ragazzi che lo circondano, che il 5 agosto 1931 fa richiesta di entrare in seminario per frequentare il ginnasio. Si distingue subito per le ottime capacità diventando ben presto il primo della classe. Risultati confermati anche in seguito fino all’inizio della terza quando nell’ottobre 1933 si ritira dal liceo. Conclude l’anno scolastico a Varese ma, stranamente, non prosegue gli studi liceali bensì sceglie di trasferirsi alle scuole magistrali. Un segno premonitore dell’eccezionale spirito pedagogico e dell’enorme amore per i bambini che già da allora questo timido intellettuale nutriva. Inoltre, già a partire dal 1935, Rodari militava nell’Azione Cattolica arrivando per un certo periodo a ricoprire l’incarico di presidente di zona. Nel 1936 pubblica otto racconti sul settimanale cattolico “L’azione giovanile” e inizia una collaborazione con “Luce” diretto da Monsignor Sonzini. Nel 1937 inizia un periodo di profondi cambiamenti interiori. Lascia la presidenza dei giovani gaviratesi dell’Azione cattolica, uno strappo destinato a non ricucirsi mai più. Intanto persegue tenacemente la sua strada e dietro al ragazzino timido che non socializzava con nessuno si scopre un uomo forte capace di grandi iniziative. Diventa dapprima istitutore presso una famiglia ebrea di Sesto Calende poi si iscrive all’Università Cattolica, senza però arrivare alla laurea. In seguito viene assunto come maestro elementare in diversi paesi del Varesotto. Ironia della storia: Gianni Rodari viene valutato “insufficiente” come insegnante perchè si rifiuta di assumere un incarico nel partito fascista. A partire da questo episodio, il suo impegno politico viene sempre più delineandosi. Dopo il 25 luglio 1943 inizia una collaborazione con “resistenti comunisti” e l’anno dopo, nel maggio 1944, si arruola nella Squadra di azione Patriottica di Saronno. Iscrittosi al Partito Comunista Italiano, ne diventa funzionario. Nel marzo 1947 viene chiamato al quotidiano “L’Unità” di Milano come inviato speciale. Sul giornale pubblica le prime filastrocche per bambini. Nel 1950 a Roma dirige “Il Pioniere”, cui dà un significativo contributo come scrittore e come organizzatore di un progetto educativo. Sposato con Maria Teresa Ferretti dalla cui unione nasce la figlia Paola, passa alla direzione di “Avanguardia”, settimanale della FGCI. Nel 1956 rientra a “L’Unità” di Roma come capocronista, mentre nel 1958 è a “Paese sera” in qualità di inviato speciale, commentatore e corsivista, incarico che manterrà fino alla sua scomparsa. Gli anni della scrittura per l’infanzia e della notorietà sono comunque quelli dal 1960 in poi. Incomincia a pubblicare per una prestigiosa casa editrice come Einaudi e la sua fama si diffonde in tutta Italia. Il primo libro che esce con la nuova casa editrice è “Filastrocca in cielo ed in terra” nel 1959. Solo nel 1962-1963 raggiunge una certa tranquillità economica grazie alla collaborazione a “La via migliore” e all’enciclopedia per ragazzi “I quindici”. Vince nel 1970 il Premio Andersen, prestigioso riconoscimento alla sua opera di scrittore per l’infanzia. Gianni Rodari muore a Roma il 14 aprile 1980 per collasso cardiocircolatorio, a seguito di un intervento operatorio per liberare una vena occlusa nella gamba sinistra.

Teresa Anania

Fonte biografica: www.biografieonline.it

Pubblicato da Teresa Anania

Eccomi..... Sono Teresa Anania, e ho una passione sfrenata per i libri. Un amore iniziato ad otto anni e cresciuto nel tempo. Amo scrivere e riversare, nero su bianco, emozioni, sentimenti e pensieri concreti e astratti. La musica è la colonna sonora della mia vita. Ogni libro lascia traccia dentro di noi e con le recensioni, oltre a fornire informazioni "tecniche", si tenta di proiettare su chi le leggerà, le sensazioni e le emozioni suscitate. Beh..... ci provo! Spero di riuscire a farvi innamorare non solo dei libri ma della cultura in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.