La magia del Sorriso di Sergio Sito

SERGIO SITO. LA MAGIA DEL SORRISO. Imparare a Sorridere per Conquistare il Mondo.

“Chaplin afferma che un giorno senza sorriso è perso, perché non siamo stati capaci di trovare armonia con il nostro io interiore, oltre che un’empatia con gli altri.”

La copertina illuminata da un sole radioso che si rispecchia nell’acqua mi fa pensare subito ad un romanzo, in cui il sorriso è riuscito a conquistare un cuore. Il sottotitolo però mi mette in guardia, allargando gli orizzonti: “Imparare a sorridere per conquistare il mondo”.
Sarà allora un saggio? Non importa. Mi basta scorrere le pagine e andare direttamente all’indice per avere conferma che il libro mi regalerà non uno, ma tanti sorrisi.
Infatti, in trentuno capitoli, che l’autore definisce “piantine d’altruismo”, il sostantivo costante è sorriso e i verbi ricorrenti sorridere e ridere: gli ingredienti per il buonumore ci sono tutti.
Gli argomenti sono veramente tanti, tutti affrontati con quella semplicità che affascina, senza limitare lo spessore delle argomentazioni.
L’autore spazia dalla propria esperienza personale alla leggenda del sorriso, dalle barzellette alle citazioni alle frasi più belle, dalla giornata mondiale del sorriso (istituita nel 1999 da Harvey Ball, il creatore dello smile) ai diversi tipi di sorrisi individuati da neurologi e psicologi, allo yoga della risata, senza tralasciare gli esercizi per imparare a sorridere.
Il campo è vasto e tra i nomi che spiccano ritroviamo personaggi noti e amati, come papa Luciani, Gigi Proietti e Renzo Arbore, a ciascuno dei quali l’autore dedica pagine intense: un autentico inno alla loro esistenza, al sorriso che hanno saputo donarci, al loro essere bambini, maghi della risata, simboli di allegria e di umanità.
Lascio l’indice e riparto dall’introduzione. Mi ci vuol poco a capire quanto abbiamo da condividere: alcune fasi della vita, i ricordi dei libretti scolastici della scuola elementare e media, con quei giudizi “orientativi” che siamo andati a rileggere nel tempo per ritrovare noi stessi.
Ho il timore di non riuscire a contenere il mio scritto in una recensione, il rischio è di scrivere un libro sul libro, che già si presenta come una riserva di benessere e di buonsenso con tutti i suoi suggerimenti, quasi una chiacchierata leggera, tale però solo in apparenza.
E cosa sono quei sorrisi falsi, quelli dei personaggi Disney e quelli degli animali? Sergio continua con la sua analisi attenta, riportando anche le differenze tra cani, gatti, pappagalli e iene.
Sembrano solo pura curiosità ma, leggendo, ogni elemento diventa importante, perché capita di prestare sempre più attenzione alle proprie labbra e a controllare che la linea orizzontale divenga una bella curva verso l’alto, che illumini anche gli occhi.
“Non è solo la bocca a ridere, ci sono anche gli occhi.”
L’autore, un portatore sano di allegria, di affetto spontaneo e genuino, … non si stanca di ripetere che:
“Un canale di comunicazione potentissimo è il sorriso, perché tutti siamo in grado di riconoscerlo.”
“Le persone solari pronte a donare un sorriso riescono a farci sentire meglio, migliorando la qualità della nostra giornata.”
Sembrano frasi scontate, eppure leggerle e rileggerle significa cogliere un ulteriore stimolo, un valido rinforzo per la propria autostima e il benessere personale.
E se il quesito “perché il sorriso prima del ‘600 è assente nella storia dell’arte” ci incuriosisce e le frasi scelte da canzoni diventano una piacevole culla per il ricordo delle esperienze personali vissute, l’attenzione è tutta per la Smile House di Roma, dove ridanno il sorriso ai bambini colpiti da labioschisi.
Già, il sorriso: ciò che resterà di noi nel tempo. Riflettiamoci. “È ciò che più ricordiamo delle persone care scomparse, forse per dare un senso positivo alla scomparsa.”
Ci sono dei consigli speciali, per situazioni che sollecitano particolari attenzioni: “Cancellate dalla vostra vita chi vi toglie il sorriso” “liberatevi dal virus del cattivo umore”.
Qui il discorso si fa serio e l’autore prende in esame il dramma delle persone che vivono con “certe figure negative, e vengono annientate come esseri umani, perdendo forza, dignità e voglia di vivere.” Dalla mancanza di sorriso e riso alla violenza il passo a volte è breve ed è importante imparare a riconoscere i segnali d’allarme.
E se “ridere è una cosa seria” devo però dire che “i club della risata” nel corpo del libro hanno occupato uno spazio eccessivo, che avrei invece relegato in appendice, così come devo confessare che sono andata subito a curiosare se esiste e dove nella mia città …
Le pagine vuote alla fine del libro per annotare qualche pensiero le lascerò bianche, perché sono certa che tornerò a consultare i vari capitoli, non il semplice appunto.
Ora so cos’è: un manuale di pronto soccorso emotivo, del sorriso da donare e da donarsi, un inno al benessere e alla serenità d’animo.
Il sottotitolo? Ciascuno, dopo la lettura, lo personalizzerà a proprio piacere.
Condivido pienamente anche l’altro obiettivo che Sergio si prefigge, insieme all’autostima personale da esaltare:
“Contagiarci la voglia di leggere, influenzarci l’un l’altro, fino a far scoppiare una seconda pandemia, la più bella del mondo: la lettura-20!”

Maria Teresa Lezzi Fiorentino

Cosa c’è di più confortante, gioioso e salutare che offrire e ricevere un bel sorriso? Il sorriso è lo strumento, efficace e a costo zero, che ognuno può utilizzare per illuminare la propria vita e quella di chi ha intorno. In questo volume l’autore attraversa, in un avvincente viaggio, i significati del sorriso declinati sotto molteplici punti di vista: dalla fisiologia alla storia, dalla poesia alla sociologia, passando anche attraverso citazioni e aforismi, per fare dell’arte del sorriso una vera e propria filosofia benefica di vita alla portata di tutti. Un’opera importante per migliorare la propria attitudine nella vita quotidiana e, soprattutto, per comprendere come la felicità sia sempre dietro l’angolo. Spetta solo a ognuno di noi coglierla poiché, anche nelle difficoltà, c’è sempre un valido motivo per sorridere.

Autore: Sergio Sito
Editore: Youcanprint
Anno edizione: 2021
In commercio dal: 5 febbraio 2021
Pagine: 248 p.
EAN: 9791220322089

Pubblicato da Maria Teresa Lezzi Fiorentino

Maria Teresa Lezzi Fiorentino vive a Lecce, sua città natale, dedicandosi alla famiglia e al lavoro. Coltiva da sempre due grandi passioni, lettura e scrittura, per sé e per tutti coloro ai quali riesce a trasmettere il proprio entusiasmo. Il fulcro intorno a cui hanno ruotato i suoi scritti, articoli e recensioni, è stato per lungo tempo l’assetto metodologico-didattico, con un’attenzione particolare alla sfera emozionale e al benessere degli alunni. Dopo un appassionante percorso professionale in varie scuole del Salento, che ha visto l’autrice insegnante di scuola materna, psicopedagogista e docente di materie letterarie, nel 2018 avviene la svolta ed inizia una nuova stagione della vita,in cui la scrittura privilegia la narrazione, partendo dalla quotidianità e dalla memoria del tempo vissuto. È tempo di racconti brevi, lettere, autobiografie e recensioni. Sono dell’autrice, pubblicati con Youcanprint:Di vita in vita, La via maestra, Spigolando tra i ricordi, Passo dopo passo … e altri racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.