La strana bottega del signor Balajj di Fiammetta Rossi

La strana bottega del signor Balajj

Recensione di Alessandra Di Girolamo

 I sogni son desideri e se esiste una Bottega che ci aiuta a realizzarli non possiamo che abbandonare le nostre paure e volare insieme alle nostre emozioni.

Esiste un tempo per il dolore, per i sacrifici, per le lacrime ma anche il tempo della rinascita, dell’amore per se stessi e per la vita.

L’autrice, attraverso questo delizioso libro, prende per mano la mente del lettore e la conduce in un concerto di speranze, desideri e sogni, dove l’unico direttore d’orchestra è la “forza di volontà” che ciascuno di noi possiede ma che, spesso, tiene ben nascosta.

Storia ambientata a Vigevano vicino le sponde del fiume Ticino; un luogo che prende forma e sostanza grazie all’apertura di un bizzarro negozio “la Bottega dei Desideri del signor Balaji”.

Una straordinaria cornice di usanze, costumi e tradizioni delinea l’intero romanzo incuriosendo  il lettore al punto tale di sentire il bisogno di approfondire certi interessantissimi concetti. L o SHARI, abito bengalese bianco con tinte cobalto sui bordi, la storia di RASHMI moglie devota di un facoltoso Maharaja, la musica avvolgente e armoniosa della cultura orientale fino alle meravigliose ricette di tè, dolci, pasticcini  che arricchiscono questo paese.

Si parla di spiriti, di voci, di venti che cambiano, di correnti d’aria che vengono riconosciuti e interpretati da colui il quale li sa ascoltare.” L’aria trasporta i nostri pensieri e quelli più tristi arrivano a noi.”

Si narra di un pozzo dei desideri collocato sotto un lanterna indiana e si racconta ancora di straordinarie storie che caratterizzano ciascun oggetto del mistico negozio.

“Una mente oppressa dal passato è una mente destinata a soffrire”

Questa è la chiave del romanzo; la scrittrice ci invita a liberarci del passato, delle nostre paure, insicurezze e di percorrere la strada della rinascita rinunciando a qualcosa di veramente prezioso della nostra vita. La paura più grande è credere nei propri sogni, mettersi in gioco, cambiare strada e, perché no, essere felici.

Libro che offre vari spunti di riflessione:  il valore della famiglia, dell’amicizia, dell’istruzione, dell’umiltà, dell’onestà e della vera essenza della vita.

Anni passati nel lusso, nella ricchezza, nella superficialità e nel vuoto della società; anni rubati alla coscienza delle persone che hanno perso di vista i propri sogni.

Giulia, la protagonista, rappresenta la povertà, la correttezza, il sacrificio, il dolore, la speranza di una vita migliore e la lanterna per accendere il cammino dei nostri  desideri più nascosti.

Giulia, Maya,Carolina, Giovanni e Marco sono l’esempio concreto che l’unione fa la forza.

“Gli amici sono coloro liberi di separarsi senza lasciarsi mai”.

Se Fiammetta Rossi voleva lasciare un messaggio di amore e speranza … a mio avviso ha colpito il bersaglio.

Complimenti.

Titolo : La strana bottega del signor Balajj

Autore : Fiammetta Rossi

Editore : Leucotea

Prezzo : € 15,90

Fiammetta Rossi

Fiammetta Rossi nasce a Roma ma all’età di tre anni si trasferisce in Sud Africa con la famiglia dove frequenta le scuole primarie e scopre una realtà profondamente diversa da quella europea: vive l’apartheid, conosce persone e costumi diversi che le rimangono profondamente impressi. Al ritorno in Italia si laurea in Economia e Commercio presso l’Università La Sapienza di Roma, successivamente si trasferisce prima a Pesaro poi, nel 2003 a Milano. Dopo aver lavorato per anni in amministrazione, si dedica alla sua vera passione che è la scrittura. Nel 2015 ha pubblicato una piccola raccolta di favole per bambini dal titolo Ancora Nonna! Ed. Kimerick e nel 2018 pubblica il suo romanzo d’esordio dal titolo: La Strana Bottega del Signor Balaji (Ed. Leucotea).

La trama

Giulia e Carolina sono due quattordicenni agli antipodi, tanto che non si parlano sebbene frequentino la stessa classe. Poi un giorno in classe arriva Maya, una misteriosa ragazza del Bangladesh che ha girato il mondo con suo padre e suo nonno, il vecchio e saggio signor Balaji. Nel centro di Vigevano hanno una bottega: un negozio che rigurgita di cose belle e brutte, utili e inutili, preziose e non. Ma ogni oggetto racchiude un segreto e un mistero di chi lo ha “donato”. Maya ha un modo di fare bizzarro, parla di spiriti e di segreti, di tempi e di luoghi lontani, Carolina e Giulia ne sono affascinate. Nonostante la perfidia dei vicini, che vorrebbero vedere chiuso il negozio del signor Balaji, e i pettegolezzi delle altre compagne, Giulia e Carolina si avvicinano tra di loro e diventano amiche di Maya. Questa amicizia cambia la loro vita e presto saranno costrette a fare una scelta importante, ma, per farla, occorre avere carattere e forza d’animo. Soprattutto credere nei propri sogni. Età di lettura: da 12 anni.

Pubblicato da Elisa Santucci

Sono Elisa Santucci, fondatrice ed amministratrice dall'8 luglio 2016 . Il blog nasce dalla mia passione per i libri da sempre, dalla voglia di parlarne e fare rete culturale, perché io penso che il web, i blog, i social si possono usare in tanti modi, io ho scelto di creare un'oasi culturale. io sono pienamente convinta che leggere ci insegna a pensare e a essere liberi. "Leggere regala un pensiero libero come un volo di farfalle, un’anima con i colori dell’arcobaleno , forza e creatività" è il mio motto. Editor freelance, correttore di bozze, grafica. Servizi editoriali .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.