L’amore, Fernando Pessoa

L'amore Fernando Pessoa
Foto di Robert Doisneau

L’amore, Fernando Pessoa

L’amore, quando si rivela,
Non si sa rivelare.
Sa bene guardare lei,
Ma non le sa parlare.

Chi vuol dire quel che sente
Non sa quel che deve dire.
Parla: sembra mentire…
Tace: sembra dimenticare…

Ah, ma se lei indovinasse,
Se potesse udire lo sguardo,
E se uno sguardo le bastasse
Per sapere che stanno amandola!

Ma chi sente molto, tace;
Chi vuol dire quello che sente
Resta senz’anima né parola,
Resta solo, completamente!

Ma se questo potesse raccontarle
Quel che non oso raccontarle,
Non dovrò più parlarle,
Perché le sto parlando…

L'amore Fernando PessoaFernando (Antonio Nogueira) Pessoa

Nasce a Lisbona il 13 giugno 1888 dove morirà il 30 novembre 1935 per problemi epatici. Presto orfano di padre dopo le seconde nozze della madre, si trasferisce in Sudafrica.
Nel 1905 torna a Lisbona dove lavora in una azienda commerciale. Pessoa, considerato forse il più grande poeta del novecento, visse sempre in modeste condizioni, alternando il suo lavoro con la collaborazione ad alcune riviste letterarie, solo dopo la sua morte si scoprì la grande quantità di scritti prodotti, ritrovati nel famoso baule.
Costruì una lunga serie di identità , definiti i suoi “eteronomi” così che Alberto Cajero, Alvaro de Campos, Ricardo Reis, che sono solo alcuni dei nomi inventati dal poeta, contribuiranno ad accrescere il senso di mistero che lo circonda, non sono solo pseudonimi, ma vere e proprie vite parallele che vivono attraverso le loro poesie, così scrive poesie Alberto Cajero, scrive poesie Alvaro de Campos, e poesie scrive Ricardo Reis ognuno con un proprio stile e una propria vita, al punto che qualche volta nasce il dubbio che lo stesso Fernando Pessoa altro non sia che una parte, un ennesimo eteronimo di un poeta portoghese che forse si chiamava Fernando Pessoa.

Tabaccheria è considerata da molti una delle sue poesie più belle. Una sola donna nella vita di Pessoa, Ophelia Queiroz .Qui alcune lettere di Fernando e dei suoi “alter ego” a Ophelia. Niente meglio delle sue poesie e dei suoi scritti può svelare il tormento e il mistero della sua vita.

La biografia da http://www.daneel59.altervista.org/pessoa.htm

 

Pubblicato da Elisa Santucci

Sono Elisa Santucci, fondatrice ed amministratrice dall'8 luglio 2016 . Il blog nasce dalla mia passione per i libri da sempre, dalla voglia di parlarne e fare rete culturale, perché io penso che il web, i blog, i social si possono usare in tanti modi, io ho scelto di creare un'oasi culturale. io sono pienamente convinta che leggere ci insegna a pensare e a essere liberi. "Leggere regala un pensiero libero come un volo di farfalle, un’anima con i colori dell’arcobaleno , forza e creatività" è il mio motto. Editor freelance, correttore di bozze, grafica. Servizi editoriali .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.