Le ceneri dell’esistenza di Dami Jissed Vertiz Lozano

Le ceneri dell'esistenza di Dami Jissed Vertiz Lozano

Una storia d’amore che dura tutta la vita ambientata in un contesto storico difficile alla vigilia della seconda guerra mondiale ed Ariel la protagonista è ebrea.

Siamo in anni in cui la storia ti fa crescere velocemente, Ariel a 12 anni doveva solo giocare o magari avere sogni romantici, invece  deve salvare la sua famiglia dalla bancarotta e dalla vergogna sposando il ricco Zaccaria rampollo di un banchiere ebreo. Ma ormai gli occhi di Ariel avevano incrociato quelli di Thomas orfano povero e soprattutto non ebreo .

Il libro è suddiviso in tre parti distinte con prologo ed epilogo , che ci accompagnano negli anni nella vita difficile di Ariel.

La prima parte racconta Ariel adolescente che è costretta a scelte difficili nonostante la giovanissima età.

La seconda parte e per me la più difficile da affrontare per il coinvolgimento emozionale ci porta ad Auschwitz dove Ariel appena ventenne viene deportata e lì incontra l’amore della sua vita sotto una divisa nazista.

L’amore è anche la madre dell’odio, così opposto da sfiorarsi con l’antagonista stesso. Il passato non dovrebbe essere mai dimenticato. Si parla solo di cifre, nel complesso, nessuno parla mai dei milioni di cuori infranti affogati nel pianto o nel dolore della perdita di una persona cara, per ragioni, a volte, prive di fondamento. Quante madri, padri, mogli, mariti, fratelli, sorelle, figli e via dicendo non hanno più rivisto la persona tanto amata? Quanta sofferenza hanno dovuto passare? Di questo non si proferisce mai sillaba.

Si dovrebbe incidere su un muro ogni evento accaduto, ma non basterebbe nemmeno il vecchio muro di Berlino per tutti gli orrori che hanno vissuto in nostri antenati e tante altre persone in altri paesi.

La terza parte è conclusiva e quindi non aggiungo altro.

Un libro d’amore,  il ricordo degli occhi azzurri di Thomas accompagna Ariel per tutta la vita, ma anche un libro con riferimenti storici precisi e credibili .L’orrore dei campi di sterminio, le violenze , gli esperimenti sugli internati nel campo , la fuga, la grande forza di una ragazza appena ventenne che con forza inaudita cerca di proteggere il suo bambino nel grembo nascondendo il suo stato , si sa cosa facevano i nazisti alle donne incinte.Sono pagine dure da leggere che ci ricordano dove il nazionalismo esasperato e la guerra  può portare, che disumanità tira fuori da persone normali , il male viene vissuto come normalità. Leggetelo e riflettete.

Una lettura piacevolissima ed emozionale, un ricordare quanto dolore hanno dovuto subire i nostri antenati, quanta pazzia si cela dietro una guerra, e la disperazione che ti porta a cercare una fuga, e questo ci porta ad una riflessione importante in questi giorni di intolleranza verso chi cerca una via di fuga dall’orrore. Io l’ho letto in due giorni, scritto bene, forse qualche parte  l’avrei ampliata e curato l’editing con più attenzione, ma considerando che è un libro scritto da una ragazza molto giovane. per me molto buona la prima. Secondo me sentiremo parlare di questa ragazza ha talento, la storia è avvincente e  tocca le corde del cuore. Non puoi non affezionarti ad Ariel e Thomas e chiusa l’ultima pagina un po ti mancano.

Titolo : Le ceneri dell’esistenza

Autore : Dami Jissed Vertiz Lozano

Editore : Amazon

Prezzo : € 13

Dami Jissed Vertiz Lozano

Nasce il 10 Novembre 1994 a Benidorm in Spagna.
Quasi al quarto anno di vita, si trasferisce con la sua famiglia in Italia, a Napoli, dove incomincerà i suoi studi.
Qualche anno dopo si trasferisce in Abruzzo e più tardi in Irlanda ed infine in Colombia, dove finisce le elementari.
All’età di undici anni torna in Italia, vicino Venezia, dove prosegue gli studi. Gran appassionata di musica, pittura, letteratura e cinema, sin da piccola sviluppa un amore viscerale per l’arte .
Amante della notte, scrive dalle undici in poi, ispirata dai grandi classici, come Prokofiev, Shostakovich e Stravinskij. Grande fan di Kubrick, impazzisce per capolavori come Arancia meccanica e Lolita. Ma, la sua passione più grande sono i viaggi, dichiarandosi un cuore zingaro senza meta. In tutti i suoi viaggi non si è mai voluta separare dai suoi libri che ama profondamente. Dalle lunghe letture è nata la sua passione per la scrittura, concludendo a sedici anni il primo libro di genere fantasy, non ancora pubblicato Il Riflesso della Morte. Finito questo incomincia Le Ceneri dell’Esistenza, un romanzo ambientato nella seconda guerra mondiale e Mio fratello Caino, nn thriller intenso. Attualmente è al lavoro su due nuovi progetti Ossessioni dal passato.

La descrizione

Se vi ponete la domanda che cosa facevate a dodici anni, la risposta, per molte sarà giocare con le bambole o sognare qualche idolo, per quelle più mature.
Ma non è stato questo il destino di Ariel Klaus, una dodicenne di origini ebrea, nata a Stoccarda. Si divertiva a giocare con i suoi balocchi finché ad un età così delicata, ha dovuto scegliere, tra i suoi voleri e i bisogni della sua famiglia.
I suoi sogni, ricamati durante la sua breve vita verranno distrutti dall’impatto con la realtà.
Ariel è solo la vittima di un piano maggiore, una pedina, che però presto si ribellerà per amore di Thomas, un ragazzo tedesco orfano, di umili origini.
Il dubbio tra Thomas e Zaccaria, il suo fidanzato, ricco ed approvato da sua madre, la divorerà.
Tutto sembra concluso, quando dice addio al suo grande amore, varcando la soglia della chiesa per sposare Zaccaria.
Thomas e Ariel sono convinti di non vedersi più, finché un giorno, la giovane, ormai ventenne oltrepassa i cancelli di Auschwitz, ritrovando il suo grande amore, che veste gli abiti di un soldato delle SS.
Un romanzo trascendentale, pieno di colpi di scena, passione intensa e avventura.
Coinvolgente da mozzare il fiato, dolcemente amaro, irresistibile.
LA STORIA d’amore mai raccontata prima d’ora avvenuta nei lager nazisti.

Pubblicato da Elisa Santucci

Sono Elisa Santucci, fondatrice ed amministratrice dall'8 luglio 2016 . Il blog nasce dalla mia passione per i libri da sempre, dalla voglia di parlarne e fare rete culturale, perché io penso che il web, i blog, i social si possono usare in tanti modi, io ho scelto di creare un'oasi culturale. io sono pienamente convinta che leggere ci insegna a pensare e a essere liberi. "Leggere regala un pensiero libero come un volo di farfalle, un’anima con i colori dell’arcobaleno , forza e creatività" è il mio motto. Editor freelance, correttore di bozze, grafica. Servizi editoriali .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.