Ligea, la Sirena dalla voce melodiosa

Statua di Ligea dell’artista R. Dalisi

Il mito della Sirena Ligea fa parte del patrimonio culturale Calabrese ed è strettamente legato alla città di Lamezia Terme, nel cui territorio sorgeva anticamente la città di Terina, città della Magna Graecia dalle origini misteriose e leggendarie; fondata forse dai Crotoniati nel VI sec. a.c. e distrutta dai Saraceni nel 950 circa.  L’ubicazione esatta, da ritrovamenti archeologici relativamente recenti, dovrebbe essere stata nei pressi di Caronte, zona del territorio Lametino nota per la presenza delle Terme.  Sono state ritrovate, infatti, delle antichissime monete sulle quali è impresso il volto di Ligea, in alcune è seduta su un cippo mentre gioca a palla con la mano destra e in altre appare mentre riempie un’anfora con l’acqua che fuoriesce dalla bocca di un leone.

La leggenda narra che Ligea, bellissima ninfa alata, così come erano originariamente tutte le sirene, subì un tragico destino: si lanciò nel mare in tempesta dall’alto di una rupe dopo che l’equipaggio di una nave non cedette al suo canto ammaliatore. Le onde la trascinarono fino al Golfo di Sant’Eufemia, dove,  trovata morta venne sepolta sulla riva del fiume Ocinaro, odierno fiume Bagni.

“O viandante, se vorrai conoscere il percorso della sirena Ligea che sarà spinta dai flutti a Terina.. .I Faleri la seppelliranno nelle arene del lido contiguo ai vortici dell’Ocinaro dove era anche il sepolcro del Marte dalle corna di bue, dovrai attraversare la Via Traiana, raggiungere Terina dal Golfo Terineo o Lametino…”

Si narra che Ligea avesse due sorelle più grandi: Leucosia e Partenope, ed entrambe umiliate per non essere riuscite ad ammaliare  Ulisse che si fece legare all’albero della nave, fecero la stessa fine di Ligea.   Leucosia finì sul litorale di Posidonia, odierna Paestum, e qui diede il nome ad una isoletta, mentre Partenope venne spinta dalle acque fino al punto in cui sorge Napoli, chiamata appunto città partenopea.

In onore alla Sirena Ligea, venti anni fa, nel 1998, nella città di Lamezia Terme venne inaugurata una statua realizzata dall’artista Riccardo Dalisi.

Teresa Anania

 

 

Fonti e immagini web

 

Pubblicato da Teresa Anania

Eccomi..... Sono Teresa Anania, e ho una passione sfrenata per i libri. Un amore iniziato ad otto anni e cresciuto nel tempo. Amo scrivere e riversare, nero su bianco, emozioni, sentimenti e pensieri concreti e astratti. La musica è la colonna sonora della mia vita. Ogni libro lascia traccia dentro di noi e con le recensioni, oltre a fornire informazioni "tecniche", si tenta di proiettare su chi le leggerà, le sensazioni e le emozioni suscitate. Beh..... ci provo! Spero di riuscire a farvi innamorare non solo dei libri ma della cultura in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.