“Lui, Lei, L’altra … La geometria dell’Amore”!!!

Negli ultimi anni, forse più che in passato, i triangoli amorosi sono diventati una costante nella vita quotidiana familiare, o forse sono semplicemente più palesi che un tempo. Cosa spinge un uomo a tradire la sua donna e perché no, una donna a tradire il suo uomo? Perché è così complicato ammettere che non si ama più o che qualcosa è cambiato, preferendo intraprendere storie parallele a volte anche dolorose? Di sicuro, ciò che accomuna tanto l’uomo quanto la donna in un tradimento, è un malessere di fondo che serpeggia fra le mura domestiche e che si trascina come un fardello pesante ma che difficilmente si ha il coraggio di lasciare andare. Ci si nasconde dietro a responsabilità che in realtà si è incapaci di assumersi. E allora ecco che l’ impedimento è per i figli, il mutuo, pseudo problemi di salute o lavorativi, ma la verità vera è che la famiglia è quell’etichetta dietro la quale si tenta di ostentare una vita perfetta e invidiabile cercando di convincere addirittura se stessi. Ci si crea il personaggio di marito/moglie perfetta all’interno e all’esterno della famiglia, quando in realtà si vorrebbe essere altrove. Ma il rischio di perdere ciò che si è costruito, e soprattutto la possibilità di non avere più credibilità davanti a una società fondamentalmente bigotta e tradizionalista, è troppo elevato e troppo difficile da accettare.  Ma nulla è per sempre e questo è un dato di fatto che già da solo dovrebbe bastare a far riflettere e a capire che la via della multi relazionalità, che a volte si percorre per trasgressione, spesso finisce col diventare una gabbia dorata dove provare a essere se stessi, pur se per poco tempo. Ma è davvero così complicato svincolarsi da un rapporto ormai logoro e iniziare una nuova relazione? E perché, quelli che un tempo erano legami d’amore si trasformano in catene che soffocano ogni giorno sempre di più? 

Quando si parla di tradimento l’associazione automatica è quella con la parola “amante”, storcendo il naso, ridendo sotto i baffi, se non addirittura provando una punta di invidia, ma attribuendo gli epiteti e le accezioni più colorite che possano esistere, sempre e soltanto nei confronti della donna, ovviamente, perché, benché se ne dica, la nostra è una società prettamente maschilista.  Amante e relazione clandestina o extraconiugale diventano sinonimi, rappresentando una situazione nella quale uno dei due se non entrambi sono, appunto, già impegnati, e il cui obiettivo principale, dettato dalla trasgressione, è quello di allontanarsi dalla monotonia quotidiana e da tutte quelle problematiche appartenenti a un legame che si trascina per forza di inerzia e per dovere, divenendo il prototipo di un rapporto basato principalmente, se non unicamente sul sesso. Ma è davvero così? Facciamo un passo indietro.

Il dizionario della lingua italiana, alla voce “amante” riporta:  “Participio Presente del verbo amare” … “Persona coinvolta in una relazione extraconiugale o segreta”…  Ma si legge anche :  “Chi è legato da amore per un’altra persona”…  Amore … Sentimento tanto nobile quanto dannato, esaltato, ricercato e temuto.  E allora chi è l’Amante? Colui o colei che è colpevole d’amare?  Si può essere dei peccatori perché si ama?

Il nono comandamento, secondo il catechismo cattolico che non corrisponde a quello biblico, dice : “non desiderare la donna (uomo) d’altri”, non dice “non amare la donna (uomo) d’altri.  E’ al settimo comandamento della Sacra Bibbia che troviamo “Non commettere adulterio/atti impuri”, ma il cattolicesimo ne ha abrogato la prima parte.  E in ogni caso non si parla mai di amore; si parla di desiderio, di adulterio, di atti impuri, portando alla spiegazione logica che l’amore non sia da accostare a questi ultimi e distinguendo come dato di fatto, quasi, l’amore dalla fisicità.  E in effetti, se Dio è Amore e l’Amore viene da Dio, Amare può mai essere un peccato? Dov’è l’errore quindi? Chi è il peccatore, e qual è il peccato? Dove collochiamo i sentimenti? Perché non vengono citati neanche lontanamente nel momento in cui bigottismo e falso moralismo puntano il dito contro l’unico “errore” presente, se di errore si può parlare, ovvero quello di amare eventualmente, la “persona sbagliata”.  Fino a quando entrambi gli “amanti” riescono a mantenere un rapporto basato esclusivamente su incontri di puro piacere fisico e di divertimento, è un conto. Ma che succede se uno dei due si innamora, o lo sono entrambi, ma non si ha il coraggio di assumersi le responsabilità del proprio status?  Ciò a cui non si pensa, infatti è che spesso almeno uno dei tre lati di questo triangolo, se innamorato/a, nasconde una vera e propria sofferenza dettata dal non poter vivere alla luce del sole e con serenità, un sentimento forte e puro come l’Amore; il sentimento per eccellenza. Sofferenza che sfocia spesso in due soluzioni: o uno dei due finisce col far venire a galla la relazione clandestina, con tutti gli oneri, onori e conseguenze di tutta la vicenda; o subentra l’auto-protezione, si cerca di tutelarsi, di contenere i danni provando a farsi meno male possibile e allora domina il self – control, ci si barrica dietro un finto distacco emotivo, una velata indifferenza, si tengono a bada emozioni e sentimenti e tutto ciò che insieme alla passione si lascerà sprigionare solo ed esclusivamente durante gli incontri amorosi.  Poi si scompare, si conosce e si riconosce il proprio ruolo scomodo e quindi non si chiede, non si pretende, non si esige nulla. Si ritorna in un limbo fatto di freddezza, di attese, di impegni, di scuse e forse anche di bugie … fino al prossimo incontro. Difficile mantenere l’ago della bilancia e reggere un equilibrio instabile per non cadere. Ma non è forse questo l’Amore? Avere a cuore i problemi dell’altro/a, cercare di diminuirli e non aumentarli. Ma chi sbaglia alla fine? Chi fa in modo che tutto venga alla luce o chi si mette di lato senza disturbare? La cosa giusta sarebbe sicuramente evitare di trovarsi in rapporti simili, ma è pur vero che si è impotenti davanti ai sentimenti. Dietro ogni tradimento vi è in fondo, una immensa insoddisfazione, fragilità, malcontento e un’infinita solitudine interiore che porta a quella continua ricerca di felicità che solo la mancanza di coraggio, a volte, ci fa sfuggire di mano, facendoci accontentare di qualcosa che non vogliamo e attribuendone le colpe a un destino che in realtà abbiamo costruito con le nostre mani.

Teresa Anania    

Pubblicato da Teresa Anania

Eccomi..... Sono Teresa Anania, e ho una passione sfrenata per i libri. Un amore iniziato ad otto anni e cresciuto nel tempo. Amo scrivere e riversare, nero su bianco, emozioni, sentimenti e pensieri concreti e astratti. La musica è la colonna sonora della mia vita. Ogni libro lascia traccia dentro di noi e con le recensioni, oltre a fornire informazioni "tecniche", si tenta di proiettare su chi le leggerà, le sensazioni e le emozioni suscitate. Beh..... ci provo! Spero di riuscire a farvi innamorare non solo dei libri ma della cultura in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.