Un ragazzo normale di Lorenzo Marone

Un ragazzo normale di Lorenzo Marone

Un ragazzo normale lo è Mimì ed un ragazzo normale è Giancarlo. Mimì è un adolescente come tanti nel 1985 e Giancarlo è Giancarlo Siani il compianto giornalista ucciso dalla Camorra nel settembre 1985.

Il libro di Lorenzo Marone racconta una storia d’amicizia,  gli anni 80 l’ultimo decennio prima dell’arrivo di cellulari, social e mondo virtuale. Quegli anni 80 chissà perché definiti mitici, invece erano gli anni dei paninari, dell’apparenza dei vestiti griffati che ti collocavano al posto giusto nella società.

Mimì è un dodicenne appartenente ad una famiglia che oggi giorno combatte per sopravvivere come tante in quegli anni e che sostanzialmente è serena, ma questo il ragazzo lo capirà solo da adulto, è figlio del portiere dello stabile dove vive Giancarlo Siani.

Mimì vuole uscire fuori da quella vita povera vuole diventare importante, uscire dalla mischia ma a dodici anni ha due sogni: baciare Viola,  figlia di una famiglia borghese che vive nel suo stesso stabile, e diventare un super eroe, ma ha bisogno di un esempio da seguire e decide che il suo eroe da emulare è Giancarlo.

“Allora non potevo saperlo, ma in seguito ho capito che le cose straordinarie, quelle che resteranno per sempre nella tua vita, arrivano spesso in punta di piedi e all’improvviso, senza tuoni e particolari avvisaglie”

Un ragazzino un po’ nerd che vive il suo finale di infanzia con il suo amico del cuore Sasà, che ama leggere, studiare si interessa a tutto, ha la sensibilità ingenua e pulita tipica della sua età e per darsi un tono parla con un linguaggio aulico un po’ ottocentesco, ovviamente è considerato un po’ strano da chi lo circonda compresa la sua famiglia composta da madre, padre, sorella ed i due nonni materni in una casa piccolissima di due camere.

Gli anni 80 caratterizzati con pochi ma significativi cenni ad abitudini ed oggetti di moda dell’epoca,come Vasco Rossi amato da Viola e da Giancarlo, le Timberland,  il pub “Stazione centrale” una delle prime birrerie napoletane,lo zaino Invicta, l’enciclopedia “I quindici”.

Come nei suoi precedenti libri Marone racconta la normalità, la famiglia con i suoi chiaroscuri, l’adolescenza con le sue grandi e piccole crisi esistenziali, un periodo della vita e racconta lo shock di una città in seguito all’assassinio di Siani.

Non è sicuramente un libro che vuole parlare di Giancarlo Siani ma un libro, come lo stesso Marone dice nei ringraziamenti con Giancarlo, e come ha affermato l’autore le parole dette da Giancarlo sono frasi che ha realmente pronunciato, ma ovviamente il contesto è assolutamente romanzato.

Parli sempre di superpoteri… la lettura è la scrittura sono i poteri più potenti di cui disponiamo, ci ampliano la mente, ci fanno crescere, ci migliorano, a volte ci illuminano e ci fanno prendere nuove strade, ci permettono di cambiare idea, ci danno il coraggio di fare ciò che desideriamo”.

Attraverso l’amicizia con Mimì  l’autore mostra un ragazzo normale che vive, ascolta musica, vuole andare al concerto di Vasco Rossi e con la sua famosissima Mehari,  che Mimì definisce la batmobile conduce una vita normale di un ragazzo venticinquenne, un eroe forse ma qui lo vediamo solo come un ragazzo onesto che  usa la penna per far conoscere alla gente ciò che succede attraverso le pagine di un quotidiano.

In un linguaggio piacevole infarcito qua e là di termini in dialetto che lo alleggeriscono e, con la sua innata ironia strappa più di un sorriso e per me napoletana in un’età che riconosce i simboli dei suoi anni verdi è un vero piacere leggere questo libro che è anche un bel viaggio nei ricordi.

Una storia di sentimenti, d’amore, l’amore per la vita, per la lettura e la scrittura, il potere dei libri e della cultura, unico modo per diventare superoi nella propria vita e trovare la strada per essere felici.

Un bel quadro dell’adolescenza dell’epoca, tutto si svolge in un’estate, quell’estate del 1985 diventata indimenticabile nei ricordi dei napoletani perbene, ricorda il sacrificio di un ragazzo che voleva solo smuovere le coscienze con il potere della penna, e che nel libro traccia la fine dell’infanzia per Mimì ed i suoi amici. L’amore di Mimì per Viola, il profondo amore quasi inconsapevole  per la sua famiglia in fondo “con l’amore nun se arreffonde mai”. 

Un’altra stupenda pagina di Lorenzo Marone regalata al nostro patrimonio letterario, da leggere assolutamente.

Titolo: Un ragazzo normale

Autore: Lorenzo Marone

Editore : Feltrinelli

Collana: I narratori

Prezzo: €16,50

Lorenzo Marone (Napoli, 1974), laureato in Giurisprudenza, ha esercitato per quasi dieci anni la professione di avvocato. Autore di successo, ha pubblicato La tentazione di essere felici (Longanesi, 2015; Premio Stresa 2015, Premio Scrivere per amore 2015, Premio Caffè Corretto – Città di Cave 2016, 15 edizioni in Italia, 15 traduzioni all’estero e un film, La tenerezza, con regia di Gianni Amelio), La tristezza ha il sonno leggero (Longanesi, 2016; Premio Città di Como 2016), Magari domani resto (Feltrinelli, 2017; 7 edizioni, Premio Selezione Bancarella 2017) e Un ragazzo normale (Feltrinelli, 2018). Collabora con “La Repubblica di Napoli” con una rubrica fissa dal titolo “Granelli”. Vive a Napoli con la moglie, il figlio e la bassotta Greta.

La trama

“Le cose straordinarie, quelle che resteranno per sempre nella tua vita, arrivano spesso in punta di piedi e all’improvviso, senza tuoni e particolari avvisaglie. Proprio come quella nevicata dell’85.”

A dodici anni sono diventato amico di un supereroe. Aveva venticinque anni, abitava nel mio condominio a Napoli e diceva di non essere per niente un supereroe. Ma io so che i supereroi esistono. E sono in mezzo a noi.

 

Pubblicato da Elisa Santucci

Sono Elisa Santucci, fondatrice ed amministratrice dall'8 luglio 2016 . Il blog nasce dalla mia passione per i libri da sempre, dalla voglia di parlarne e fare rete culturale, perché io penso che il web, i blog, i social si possono usare in tanti modi, io ho scelto di creare un'oasi culturale. io sono pienamente convinta che leggere ci insegna a pensare e a essere liberi. "Leggere regala un pensiero libero come un volo di farfalle, un’anima con i colori dell’arcobaleno , forza e creatività" è il mio motto. Editor freelance, correttore di bozze, grafica. Servizi editoriali .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.