“Esistenze Proibite”, di Paolo Bertulessi

Siamo sicuri di essere padroni delle nostre vite? Pensiamo di avere il mondo in mano ma il destino avrà sempre l’ultima parola e deciderà come agire senza chiedere il permesso… Mai nulla è come appare…

 

Autore: Paolo Bertulessi

Titolo: Esistenze Proibite

Editore: Le Mezzelane Casa Editrice

Collana: Ossessioni

Anno: 2018

Pagg: 288-Rilegato

Prezzo: €. 15,90

 

Tre protagonisti, Adam, Traxebru e Aneta; tre personaggi diversi ma fondamentalmente simili. Tre vite appartenenti a vissuti differenti ma destinate a rimanere ancorate saldamente l’una all’altra con una liaison di nome Aneta, sorellastra di Traxebru, giovane ragazza autistica e sensitiva, ma non nel significato canonico del termine; non è una medium ma un’anima pura dotata di capacità sensoriali uniche e facoltà paranormali che condurranno i due ragazzi a vivere esperienze occulte inenarrabili… Un romanzo originale nel suo genere dove tutto è il contrario di tutto, dove l’impossibile si materializza; il romanzo degli opposti, dove bene e male affermano la loro contrapposta e tangibile presenza contemporaneamente.  Un romanzo che è innanzitutto un vero e proprio inno all’amicizia, quella rara, quella tra  Adam e Traxebru, l’uno in perfetta contrapposizione all’altro: avido, perverso, egocentrico, narcisista, sociopatico e dalla mente diabolica, il primo; onesto e moralmente corretto, indulgente, comprensivo, “umano”, il secondo… Due opposti che si attirano come magneti, completandosi.  Tante le ambientazioni on the road , le esplorazioni urbane… le urbexart…, ma fulcro principale una “Milano bene” dove tutto diventa borderline.  Un’opera psichedelica, tridimensionale, una miscellanea di generi che si fondono e si intersecano tra loro e che finiscono col rapire l’attenzione del lettore, il quale ne viene fagocitato all’interno, divenendo, una pagina dopo l’altra, uno spettatore dietro le quinte dell’intera scenografia. La scrittura è visiva e difficilmente si riesce ad essere distratti  da ciò che si sta leggendo. Un linguaggio sofisticato, accurato e forbito che ti “costringe” a fermarti per ricercarne i significati  e dove non mancano altresì locuzioni latine se non addirittura intere frasi.  Uno scritto intriso di cultura e di arte con molteplici riferimenti a località geografiche, strutture ed edifici storici con una dimensione esoterica, ma non solo…  Ad essere esaltata, in tutto il componimento, la bellezza fisica, quasi angelica ed eterea che accomuna i protagonisti.  Pagine intrise dalla psicologia tormentata e quasi ossessiva di Adam nei confronti del sesso femminile che innescherà una concatenazione di eventi che lo segneranno a vita.  Su tutto, a fare da padrone, il “Dio Denaro”, con quella brama di ricchezza e sete di potere per le quali tutto diventa lecito, anche uccidere…  L’autore ha la grande capacità di trascinarti in un labirinto psichedelico  di emozioni continue e sentimenti contrapposti; mescola suspense e momenti di riflessione, sorpresa, stupore, rabbia, gioia, dolore. Dosa e usa brillantemente le parole e lo fa anche giocando con anagrammi, frasi palindrome, lettura al contrario o mirror reading e parole bifronte … tutto ha molteplici significati e punti di vista e mai nulla è esattamente come appare arrivando a celare realtà oscure e inimmaginabili. Non manca una morale vivida e importante: la verità sopra ogni cosa; quella verità che qualunque cosa si faccia, si rivelerà sempre e comunque. Una narrazione fluida, scorrevole, piacevole e dal ritmo incalzante; intrisa di vicende singolari ed esperienze spiazzanti e dall’epilogo che non ti aspetti…  Un romanzo molto particolare, misterioso, coinvolgente e a tratti sconvolgente, ma intrigante, adrenalinico e dagli intrecci numerosi e continui. Una lettura che mi sento assolutamente di consigliare, preferibilmente però, ad un pubblico adulto…

Teresa Anania

Paolo Bertulessi, cresciuto  in una famiglia eterogenea con madre novarese, padre e nonni paterni bergamaschi, nonna materna torinese, nonno materno barese, poi viceprefetto a Padova, e una prozia austriaca, nasce a Bergamo, ma la sua famiglia dopo un anno si trasferisce a Padova, città nella quale poi vive fino all’età di quarant’anni. Viene educato sin da bambino al culto della lingua italiana e all’amore per la letteratura, spaziando dai grandi classici alle opere contemporanee anche di nicchia: il suo primo libro, “Ventimila leghe sotto i mari“di Jules Verne, lo legge a cinque anni. Consegue la maturità classica appassionandosi in modo viscerale alla lettura e, conseguentemente, alla scrittura, che coltiverà con sempre più crescente passione. All’età di 25 anni perderà prematuramente e traumaticamente il padre, docente liceale di matematica e fisica, e la madre, pittrice. Lavora per diversi anni nella grande distribuzione alimentare ricoprendo il ruolo di gerente e direttore di filiale. Ex pugile dilettante e successivamente istruttore sportivo per molti anni, dal 2005 è titolare di una enoteca a Piazzola sul Brenta, in provincia di Padova. Oltre alla lettura e alla scrittura è un cinefilo e un amante dei video-games. Ha già operato nel settore letterario nella veste di ghost-writer, scrivendo per diversi autori locali in crisi d’ispirazione e fornendo loro trame interessanti: il suo talento nel creare storie da raccontare e pubblicare è stato da sempre molto spiccato. Solo negli ultimi anni decide di dare spazio a se stesso come autore e di avere il proprio nome stampato in una copertina.

 

TRAMA

Una narrazione di esperienze uniche, intrise di una deviata e algida ginofilia legata a doppio filo all’egocentrismo e alla venalità del protagonista; sesso, perversione, mistero, soprannaturale, denaro, motori, avventura, arte, poesia e morte: tutto si fonde in una perfetta miscela che avvince e rapisce. I dialoghi tra i due protagonisti dell’opera, Adam e Traxebru, stigmatizzano al meglio la loro comune spietata visione della vita e della società, dosando al meglio lessico aulico ed espressioni taglienti. A loro si affianca una meravigliosa piccola Dea, autistica e sensitiva: Aneta, con la sua impressionante purezza e la sua eterea presenza, sovralimenterà quel motore emozionale che li farà viaggiare sempre più velocemente verso facili successi economici, ma anche inquietanti e sconvolgenti vicende, per poi volgere a un drammatico e sconcertante epilogo.

 

Pubblicato da Teresa Anania

Eccomi..... Sono Teresa Anania, e ho una passione sfrenata per i libri. Un amore iniziato ad otto anni e cresciuto nel tempo. Amo scrivere e riversare, nero su bianco, emozioni, sentimenti e pensieri concreti e astratti. La musica è la colonna sonora della mia vita. Ogni libro lascia traccia dentro di noi e con le recensioni, oltre a fornire informazioni "tecniche", si tenta di proiettare su chi le leggerà, le sensazioni e le emozioni suscitate. Beh..... ci provo! Spero di riuscire a farvi innamorare non solo dei libri ma della cultura in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.