L’usignolo, l’intenso libro di Kristin Hannah

L'usignolo

Il ruolo delle donne durante la seconda guerra mondiale.

L’usignolo il bellissimo romanzo di Kristin Hannah,  racconta il ruolo delle donne nel tragico periodo della nostra storia “ La seconda guerra mondiale”.

La storia parte nei ricordi di una donna anziana che vive negli Stati Uniti,  da un invito ad un raduno di ”passeur”. E da qui si dipana la storia  di eroismo di tante donne in periodo di guerra

I ricordi ci riportano  in Francia nel periodo dell’occupazione nazista di Parigi e la campagna francese.

Qui vivono due sorelle Vianne ed Isabel Rossignol, due donne con alle spalle una vita difficile,  un padre che le ha abbandonate alla morte della madre, la prima già quattordicenne ha trovato l’amore ed appoggio in Antoine che sposa e vive serenamente con lui e sua figlia Sophie, Isabel invece alla morte della madre aveva solo 4 anni e quindi cresce passando da un collegio all’altro, e desiderosa dell’affetto paterno si fa puntualmente espellere, per tornare a casa con lui. Ora sono entrambe cresciute Vianne vive col marito e la figlia in un paesino della provincia francese Carriveau, Isabel torna a casa di suo padre a Parigi, e qui viene colta dall’inizio dell’occupazione nazista , ed il padre nel tentativo di metterla al sicuro la manda a Carriveau a casa di Vianne,  insieme ad una famiglia di  suoi amici e vicini, ma quello che non sa è  che ben presto verrà abbandonata al suo destino ed incontra l’amore della sua vita Gaetan che dopo varie vicissitudini riesce a farla arrivare sana a salva a Carriveau da sua sorella e poi sparisce per proteggerla.

Ma purtroppo anche a Carriveau sono arrivati i nazisti, infatti un ufficiale è acquartierato a casa di Vianne, ben presto la convivenza con Isabelle diventa difficile, la ragazza ha il cuore pieno di ideali e vuole lottare contro il nemico e non arrendersi, e non accetta l’atteggiamento di sua sorella che vuole solo tenere al sicuro sua figlia Sophie.  L’essenza di questo romanzo è il grande coraggio delle donne rimaste da sole a convivere con i conquistatori che ti tolgono dignità, con la fame , la povertà , la paura , l’insicurezza.

E’ la forza delle donne , la forza segreta del paese umiliato dalla guerra, è quello che i libri di storia non raccontano, sono quei nomi non ricordati i veri eroi. Entrambe le sorelle combattono una all’insaputa dell’altra contro i nazisti.

Isabelle diventa una passeur una partigiana che aiuta a ritornare in patria i piloti inglesi ed americani attraversando a piedi i Pirenei  passando per  la Spagna. Ben presto con il nome di Usignolo è costretta a vivere in clandestinità perché ricercata dal nemico. Qui rincontra il suo grande amore Gaetan ed insieme a tanti altri giovani partigiani rischiano la vita ogni giorno, per salvare il proprio paese.

Vianne invece nasconde e crea false identità ai bambini ebrei salvandoli dai campi di sterminio.

La donna vive le umiliazioni più grandi che una donna può subire la violenza dell’ ufficiale tedesco che vive in casa sua , ma lei va avanti a denti stretti cercando solo di sopravvivere , aspettando con fiducia il ritorno di suo marito Antoine.

Il romanzo racconta  in modo fluido e piacevole, l’orgoglio del popolo francese, e come sempre succede in momenti estremi viene fuori  il meglio ed il peggio di ogni individuo. La storia di queste due donne è forte ed anche eroica ,  rispecchia l’operato di tante donne in quei tempi difficili. L’autrice ci racconta proprio la guerra delle donne, racconta di campi di sterminio solo per donne che cercavano in qualche modo di contrastare l’orrore.

“ Com’era fragile la vita, com’erano fragili loro. L’amore. Era l’inizio e la fine di tutto, le fondamenta, il soffitto e l’aria di mezzo. Non importava che Isabelle fosse distrutta, brutta e malata. Lui la amava e lei amava lui. Per tutta la vita aveva aspettato, desiderato, che gli altri la amassero, ma adesso capiva che cosa contava davvero. Aveva conosciuto l’amore, l’amore l’aveva benedetta.[……]

[…..] Guardò sua sorella dietro le spalle di Gaetan, la sua altra metà. Ricordò di quando sua madre diceva che un giorno loro due sarebbero state migliori amiche, che il tempo avrebbe cucito insieme le loro vite.[….]

La lettura è coinvolgente e fluida , le due sorelle Rossignol apparentemente diversissime, vivono la guerra con lo stesso coraggio , ti coinvolgono , ti portano con loro , ti fanno piangere , sono più simili di quanto loro stesse immaginano .L’autrice è stata bravissima nel ricostruire un periodo storico realistico , con fatti storici realmente accaduti , ma allo stesso tempo incantando il lettore con la storia di queste due meravigliose donne.

E’ una storia potente, forte, scritta magnificamente, tanto che ti sembra di sentire il rombo degli aerei , di sentire la fame e la disperazione di chi è costretto a vivere fianco al fianco col nemico che depreda le case , il cibo , le vite con violenze fisiche e psicologiche inimmaginabili. Questo libro è stato giustamente campione di incassi per lungo tempo negli Stati Uniti. Un libro da leggere assolutamente veramente bello e  meritevole. Io l’ho concluso con le lacrime agli occhi.

Sono gli uomini a raccontare storie dico. E’ la risposta più sincera e più semplice. Le donne invece vanno avanti. Per noi è stata una guerra nell’ombra. Non ci sono state parate per noi quando è finita, nessuna medaglia o menzione nei libri di storia. Durante la guerra abbiamo fatto ciò che dovevamo, e quando è cessata , abbiamo raccolto i cocci e ricominciato le nostre vite da capo. Tua sorella aveva un bisogno disperato di dimenticare, proprio come me. Forse è stato un altro errore che ho commesso: permetterle di dimenticare. Forse avremmo dovuto parlarne[…….

Kristin Hannah

Kristin Hannah

Kristin Hannah, pluripremiata autrice di più di venti romanzi, è amatissima negli Stati Uniti. Uscito il 3 febbraio 2015, L’Usignolo si è piazzato subito al terzo posto della top ten del “New York Times” dove è rimasto per più di trenta settimane. Ha venduto oltre un milione di copie, è in corso di pubblicazione in trenta paesi ed è stato selezionato tra i cinque migliori libri del 2015 per Amazon. Insomma, ha letteralmente conquistato il cuore delle lettrici, che su Amazon e Goodreads hanno fatto sentire la loro voce attraverso più di trentamila recensioni.

Titolo : L’usignolo

Autore: Hannah Kristin

Editore:  Mondadori

Collana : Omnibus

Prezzo : € 16,58

La trama

Nel tranquillo paesino di Carriveau, Vianne Mauriac saluta il marito Antoine che si sta dirigendo al fronte. Non credeva che i nazisti avrebbero attaccato la Francia, ma di punto in bianco si ritrova circondata da soldati tedeschi, carri armati, aerei che scaricano bombe su innocenti. Ora che il Paese è stato invaso, Vianne è obbligata a ospitare il nemico in casa sua: da quel momento ogni suo movimento è tenuto d’occhio, lei e sua figlia sono in costante pericolo. Senza più cibo né denaro, in una situazione di crescente paura, si troverà costretta a prendere, una dopo l’altra, decisioni difficilissime. Isabelle, la sorella di Vianne, è una diciottenne ribelle in cerca di un obiettivo su cui lanciarsi con tutta l’incoscienza della giovinezza. Mentre lascia Parigi insieme a migliaia di persone, incontra il misterioso Gaetan, un partigiano convinto che i francesi possano e debbano combattere i nazisti. Rapita dalle idee e dal fascino del ragazzo, Isabelle si unirà alla Resistenza senza mai guardarsi indietro, non considerando i rischi gravissimi a cui andrà incontro. “L’usignolo” racconta di due sorelle distanti per età, esperienze e ideali, ognuna alle prese con la propria battaglia per la sopravvivenza ma entrambe alla ricerca fiduciosa dell’amore e della libertà. Una storia toccante, dolorosa, e coinvolgente che celebra la resilienza dell’animo umano e la straordinaria forza delle donne.

 

Pubblicato da Elisa Santucci

Sono Elisa Santucci, fondatrice ed amministratrice dall'8 luglio 2016 . Il blog nasce dalla mia passione per i libri da sempre, dalla voglia di parlarne e fare rete culturale, perché io penso che il web, i blog, i social si possono usare in tanti modi, io ho scelto di creare un'oasi culturale. io sono pienamente convinta che leggere ci insegna a pensare e a essere liberi. "Leggere regala un pensiero libero come un volo di farfalle, un’anima con i colori dell’arcobaleno , forza e creatività" è il mio motto. Editor freelance, correttore di bozze, grafica. Servizi editoriali .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.