Crea sito

Storia e Origini della Festa della Mamma

L’origine della festa della mamma affonda le radici nel mondo greco-romano, dove un giorno all’anno veniva dedicato ai festeggiamenti in onore di Rhea, Dea della fertilità, sposa di Kronos e madre degli Dei Greci. Il culto di Rhea si diffuse, col tempo, anche tra i Romani che la chiamarono però Cibele, identificata come la Madre Terra, simbolo quindi della natura e di tutte le madri; veniva raffigurata come una matrona seduta in trono fra due leoni.

Cibele

Nel mese di maggio,i Romani  dedicavano un’intera settimana di festeggiamenti detti Floralia, in onore di Cibele.

Come per la stragrande maggioranza dei riti pagani, anche questi finirono col fondersi con le celebrazioni cristiane e il culto di Cibele venne sostituito dal culto per la Vergine Maria, madre di Gesu,che diviene la rappresentazione della Mamma, celebrandola la quarta domenica di Quaresima.

Nel 1600, in Inghilterra veniva celebrato il “Mothering Sunday” , la Domenica della Mamma.  Questa celebrazione apparteneva alle classi più povere, quelle che avevano i figli al servizio delle famiglie nobili e che facevano rientro a casa, potendo riabbracciare la proprie madri, solo la quarta domenica di Quaresima.

Negli Stati Uniti, restii alle tradizioni popolari, tale ricorrenza non ebbe successo e la festa della mamma divenne una cerimonia legata ai movimenti sociali che chiedevano il suffragio alle donne predicando la pace. Furono tre donne, Julia Ward Howe, Anne Reeves Jarvis e sua figlia Anna, a creare la festività e, la prima proclamazione del “Mother’s Day”  avvenne nel maggio 1870 per esortare le donne ad impegnarsi politicamente a favore della pace.

Ma fu solo nel 1914 che il Presidente Wilson stabilì ufficialmente che la seconda domenica del mese di maggio dovesse essere destinata ai festeggiamenti in onore della mamma.  Sull’esempio americano quasi tutti i Paesi del mondo con modalità e date diverse, introdussero poi la propria festa della mamma.

Il Parco della Mamma a Tordibetto d’Assisi

In Italia la prima festa della mamma arrivò durante il fascismo, quando la vigilia di Natale del 1933 fu celebrata la Giornata Nazionale della Madre e del Fanciullo, in occasione della quale vennero premiate le donne italiane che avevano avuto più figli. Ma la vera festa della mamma, come la si intende oggi, fu introdotta nel 1957 grazie ad un sacerdote umbro, Don Otello Migliosi, il quale ebbe l’idea di celebrare la mamma non solo nella sua veste biologica e sociale ma nel suo valore cristiano e religioso quale terreno di incontro e di dialogo tra le varie culture.  Nel 1982, a Tordibetto D’Assisi, località in cui operava Don Otello, intorno ai resti dell’antica chiesa di Santa Maria di Vico è stato creato il Parco della Mamma, progetto unico in Italia, realizzato dall’architetto Enrico Marcucci e che vede al centro una statua  della maternità, opera dello scultore Enrico Manfrini.

Teresa Anania

 

Immagini e fonti web

 

Pubblicato da Teresa Anania

Eccomi..... Sono Teresa Anania, e ho una passione sfrenata per i libri. Un amore iniziato ad otto anni e cresciuto nel tempo. Amo scrivere e riversare, nero su bianco, emozioni, sentimenti e pensieri concreti e astratti. La musica è la colonna sonora della mia vita. Ogni libro lascia traccia dentro di noi e con le recensioni, oltre a fornire informazioni "tecniche", si tenta di proiettare su chi le leggerà, le sensazioni e le emozioni suscitate. Beh..... ci provo! Spero di riuscire a farvi innamorare non solo dei libri ma della cultura in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.