Credi Davvero – Che sia sincero di Roberto Ottonelli

Credi davvero che sia sincero

Credi Davvero ( Che Sia Sincero), di Roberto Ottonelli edito Bertoni editore

Un ragno tesse la sua tela, il fascino, l’attenzione e la gentilezza sono solo armi per ottenere ciò che ha deciso debba essere suo…

Credi Davvero ( Che sia Sincero)di Roberto Ottonelli

Il titolo e la lacrima che riga il volto della giovane donna in copertina non sono stati per me indizi sufficienti. Non mi hanno fatto presagire il disagio e l’inquietudine che avrei provato leggendo il libro.
Inquietante! Come un “bel” film che non ami vedere interrotto da pubblicità, hai bisogno di tempo per gustarlo tutto, dall’inizio alla fine, non puoi e non vuoi sospendere la lettura.
Le due voci narranti che si alternano, quelle di Antonio e Martina, conquistano subito, sono i due modi di vivere la relazione e all’inizio tutto sembra così idilliaco e da romanzo rosa, che pare impossibile possa colorarsi di rosso.
Se non fosse per la sinossi e per la conoscenza di alcuni elementi della storia reale che ha ispirato lo scrittore e che hanno acceso in me la lampadina del sospetto, sfuggirebbero indizi che si presentano come spie di un rapporto malato.
Colpiscono i pensieri reali di Antonio, in grassetto, che rendono evidenti aspetti oscuri del suo carattere.
Martina è la giovane simpatica, attenta, prudente, che si lascia conquistare, proprio come farebbe ogni donna, considerate le armi messe in campo da Antonio: seduzione, attenzione, gentilezza … La tela è già pronta per intrappolare la preda e le insicurezze di Antonio non sono certo una giustificazione per i suoi comportamenti.
Il romanzo prende l’avvio con “La morte”, Qoelet, capitolo 3, il libro della Bibbia scritto in ebraico, in cui viene esposto in forma dialettica un contraddittorio tra il bene e il male. Se la morte è l’unica conclusione della vita, tutto sembra vano.
“In fondo mi sembra che abbiamo messo insieme due solitudini per scaldarci un po’ il cuore” Antonio pensa quando incontra Martina. Reduce da una relazione finita male, in cui Vanessa lo “aveva liquidato senza batter ciglio, si era sentito come una cosa vecchia buttata nel cassonetto della spazzatura”.
Ha deciso di volere Martina e farà di tutto per riuscire nel suo intento.
Antonio, infatti, sembra capace di dosare la dolcezza e la passione, il bastone e la carota, alternando libertà e possessività e la ragazza lo trova carino e romantico, anche se ha capito che ha dei momenti di buio.
Lo spirito della crocerossina si fa strada in lei. Lo vuole aiutare, rassicurarlo, dimostrargli che le sue paure non hanno fondamento, e il rapporto va avanti fino a quando lei non si accorge di essere sempre più isolata dagli altri, una marionetta nelle mani di un uomo che non accetterà mai di perdere il suo amore.
Man mano che si procede l’idea del ragno che tesse la sua tela imprigionando la vittima si fa sempre più strada e alla fine quel filo vischioso sembra avviluppare tutto e tutti.
Non vorremmo più arrivare all’epilogo, rinunceremmo volentieri, è una storia che avremmo voluto diversa, ma la vita reale non fa sconti.
In un panorama letterario già ricco di narrazioni in cui la relazione uomo donna presenta complessità e storture, il libro di Ottonelli ben si colloca come faro guida per le giovani donne, fornendo loro alcune chiavi di lettura di un rapporto sbagliato.
Maria Teresa Lezzi Fiorentino

Martina, solare e piena di vita, incontra, durante un’uscita con amici comuni, Antonio, che si sente soffocare dalle responsabilità familiari, e che, col tempo, si è isolato dal mondo. I due sperimentano fin dai primi istanti un feeling spontaneo. La coppia ben presto inizia una relazione, finché il ragazzo si trasferisce da lei in modo stabile, nonostante le ritrosie delle amiche e della madre della giovane. Il rapporto sembra crescere di giorno in giorno, Antonio copre di attenzioni Martina che spera di aver finalmente trovato la persona giusta per lei, così gentile, dolce e premurosa, nonostante alcune reazioni non la convincano fino in fondo. I capitoli si alternano in soggettiva, dal punto di vista della ragazza, al presente, e del suo compagno, sotto forma di lontani ricordi. Antonio, per la paura di rovinare tutto, cela, in alcuni frangenti, i suoi moti di rabbia, i suoi pensieri più profondi e istintivi. Cresce prepotente l’idea di aver incontrato la donna della sua vita e si convince che debba essere lei o nessun’altra…

Autore: Roberto Ottonelli
Editore: Bertoni
Anno edizione: 2021
In commercio dal: 9 aprile 2021
Pagine: 202 p., Brossura
EAN: 9788855352840

Pubblicato da Maria Teresa Lezzi Fiorentino

Maria Teresa Lezzi Fiorentino vive a Lecce, sua città natale, dedicandosi alla famiglia e al lavoro. Coltiva da sempre due grandi passioni, lettura e scrittura, per sé e per tutti coloro ai quali riesce a trasmettere il proprio entusiasmo. Il fulcro intorno a cui hanno ruotato i suoi scritti, articoli e recensioni, è stato per lungo tempo l’assetto metodologico-didattico, con un’attenzione particolare alla sfera emozionale e al benessere degli alunni. Dopo un appassionante percorso professionale in varie scuole del Salento, che ha visto l’autrice insegnante di scuola materna, psicopedagogista e docente di materie letterarie, nel 2018 avviene la svolta ed inizia una nuova stagione della vita,in cui la scrittura privilegia la narrazione, partendo dalla quotidianità e dalla memoria del tempo vissuto. È tempo di racconti brevi, lettere, autobiografie e recensioni. Sono dell’autrice, pubblicati con Youcanprint:Di vita in vita, La via maestra, Spigolando tra i ricordi, Passo dopo passo … e altri racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.