La spigola all’acqua pazza di Lucio Sandon

La spigola all’acqua pazza è in effetti un’altra delle meravigliose e immaginifiche definizioni popolari per una pietanza adatta anche agli dei.

Oggi Lucio Sandon ci parla della spigola all’acqua pazza sempre con un brandello di storia.

A Napoli l’acqua può diventare anche pazza, anche se quasi sempre è semplicemente un po’ strana e imprevedibile, come il corso del fiume che attraversa la città sotto la sua superficie, ma la ricetta della spigola all’acqua pazza è in effetti un’altra delle meravigliose e immaginifiche definizioni popolari per una pietanza adatta anche agli dei. Si tratta essenzialmente di mettere in pratica anche in cucina l’arte arrangiarsi, di fare come meglio si può, tipica delle nostre zone: è una preparazione che ogni pescatore sulla paranza o una massaia nella sua cucina può fare per insaporire e rallegrare un piatto di pesce. Ci vuole una spigola freschissima, non dico del Granatello, ma almeno possibilmente del golfo delle Sirene, vino bianco secco del Vesuvio, e poi olio, prezzemolo, pomodorini (devo specificare la provenienza?), aglio e basilico. Ah, e poi la famosa l’acqua, quella pazza.
Dopo la conquista del regno delle Due Sicilie da parte delle truppe piemontesi, tra le altre pesantissime tasse che vennero imposte allo stato occupato da parte del nuovo governo, vi fu l’odiata gabella sul sale, ma visto che a quell’epoca il mare ai piedi del Vesuvio non era ancora stato ridotto a una fogna, la sua acqua veniva regolarmente usata per cucinare. Oltre ai mezzanelli fatti con il mare di San Giovanni a Teduccio e l’insalata di pomodori salata con l’acqua dei faraglioni di Capri, in tutto il regno si cominciò a cucinare il pesce all’acqua pazza.
La ricetta di per sé è estremamente semplice, ma come tutte le ricette facili da preparare, proprio per questo può nascondere delle insidie. La maggiore attenzione va posta nel tempo di cottura: per una spigola pulita di 700 grammi, occorrono al massimo 25 minuti in forno preriscaldato a 180 gradi: una cottura prolungata del pesce ne compromette consistenza, sapore e armonia. Inoltre mettete pochi pomodorini, perché l’acqua pazza è un brodetto allentato, quindi lievemente acquoso: a Napoli, le signore agé, quando preparano un caffè leggero, con poca miscela, lo chiamano appunto scherzosamente, caffè all’acqua pazza.

Ingredienti & Procedimento

Una spigola da settecento circa grammi, dopo pulita (almeno un chilo e duecento intera)
Due bicchieri d’acqua (se non ne avete dei faraglioni, va bene anche quella di rubinetto)
Mezzo bicchiere di vino bianco secco
Olio extravergine d’Oliva
Uno spicchio d’aglio
Otto Pomodorini del Vesuvio
Sale
Origano
Prezzemolo fresco

Eviscerate la spigola, desquamatela e lavatela sotto acqua corrente. Disponetela sulla teglia da forno. Aggiungete tutti gli ingredienti: i pomodori puliti e tagliati in quattro, l’aglio schiacciato, prezzemolo fresco, l’acqua, il vino, il sale, l’origano e l’olio. Cuocete in forno preriscaldato a 180 gradi per 25 minuti. Estraete dal forno. Sfilettatela, disponetela nei piatti singoli e guarnitela con il fondo di cottura.
La vostra spigola all’acqua pazza è pronta per essere gustata, con un ottimo lacryma christi bianco ghiacciato.
Buon appetito!

Pubblicato da Lucio Sandon

Nato a Padova e trasferito a Napoli da ragazzo, Lucio Sandon lavora come veterinario. Ha pubblicato tre romanzi: Il Trentottesimo Elefante, La Macchina Anatomica, e Cuore di Ragno. Poi due raccolte di racconti con protagonisti cani, gatti, tigri, leoni e altri animali incontrati durante la quarantennale carriera: Animal Garden e Vesuvio Felix, e infine una raccolta di racconti comici: Il Libro del Bestiario Veterinario. La Macchina Anatomica – Graus editore, è risultato nel 2018 vincitore del premio letterario Talenti Vesuviani, e si è classificato al secondo posto del concorso letterario Albero Andronico, al terzo posto del premio letterario Montefiore di Cattolica, ed è stato selezionato tra i finalisti del premio Zeno di Salerno. Cuore di Ragno – Graus editore, è già stato premiato nel 2019 come vincitore sia del premio letterario Città di Grosseto “Amori sui generis” come inedito, che dei premi letterari Velletri Libris e Talenti Vesuviani, come opera edita. Cuore di Ragno verrà premiato al Campidoglio nell’ambito del concorso letterario internazionale Alberoandronico, mentre è risultato vincitore del Concorso letterario Città di Grottammare nella sezione Romanzo storico. E’ in uscita a firma di Lucio Sandon dopo l’estate, per i tipi di Jonglez Editore di Versailles, la guida turistica del Molise dal titolo “Il Molise Insolito e Segreto. Lucio Sandon collabora con il giornale online Lo SpeakersCorner, dove pubblica settimanalmente il racconto della domenica. Due di essi sono stati premiati: segnalazione di merito al Premio Iplac - Voci di Roma, e Premio Letterario Letizia Isaia, primo premio narrativa. http://www.lospeakerscorner.eu/lo-scrittore-lucio-sandon-e-i-suoi-racconti/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.