Il mantello di Marcela Serrano

Il mantello di Marcela Serrano

Il mantello, Marcela Serrano edizioni Feltrinelli. La scrittura guaritrice aiuta ad elaborare il lutto, la morte di Margarita, sorella dell’autrice ha scavato un solco profondissimo.


“Il mantello” non è un diario, né una biografia di Margarita, la sorella dell’autrice che il cancro ha strappato alla vita.
“Sono soltanto appunti sull’elaborazione di un lutto”, come lei tiene a precisare, scritti nella convinzione che solo intessendo frasi una dopo l’altra, avrebbe sfidato la sua morte.
La scrittura serve a sopravvivere e, come ogni atto creativo, cauterizza le ferite, proprio come quel mantello, cucito da Clara Sandoval, che servì ad avvolgere la bara del figlio.
Mentre Marcela Serrano si racconta, torniamo a guardare quella figura di donna che in copertina procede da sola lungo un viale alberato e comprendiamo … La sua immagine riflessa nell’acqua è in compagnia. Lo sguardo ci restituisce due distinti piani spazio-temporali, su e giù, prima e poi, che testimoniano l’assenza, la perdita e la ricerca spasmodica della persona cara, come ci ricorda più avanti: “Non pretendo di fare come Orfeo e rapire Margarita, vorrei solo vederla qualche minuto, chiederle come va lì sotto, se ha trovato un nascondiglio dove filtri un po’ di luce.”
L’autrice con la sua narrazione dà voce ai pensieri e ai sentimenti che ci devastano quando perdiamo gli affetti più cari, e lo fa seguendo la strada del ricordo e quella delle letture preferite (S. Freud, M. Klein, P. Roth, P. Claudel, E. Canetti, V. Woolf, C. Lewis, ed altri), nelle quali cerca confronto e conforto.
E se affiora la paura di non soffrire più e di dimenticare, perché il lutto è discontinuo, per lei diventa forte la tentazione di scegliere la pigrizia del dolore, la trascuratezza, il lasciarsi andare per convivere con la morte.
Ma poi riaffiora il sorriso quando leggiamo la moderna soluzione familiare per recitare il rosario e recuperare il mantra di guarigione collettiva chiedendo a “san Google” i misteri dimenticati… Un nuovo santo da ringraziare.
Il viaggio nella memoria, elogio dei sentimenti, continua per rendere eterna la figura della sorella.
Alla ricerca del sollievo nel presente, l’autrice si affida alla scrittura, ma poi, come faceva da bambina, si ritrova a ritagliare e incollare e allora viene fuori il collage delle foto di Margarita. Un vano tentativo di ridare la vita a chi ormai non c’è più, perché ciò che vede sono i suoi occhi che la fissano e la sua bocca che non ha più fame né sete, un’immagine viva solo su carta.
È un racconto doloroso che invita ad una lettura agevole, grazie anche alla scansione in paragrafi brevi.
Un altro da aggiungere a quelli che già ci accompagnano nel nostro personale viaggio di elaborazione, con nuovi spunti di riflessione e di condivisione.

Maria Teresa Lezzi Fiorentino

La descrizione

Il mantello è un libro che nasce da un momento eccezionale della vita della grande scrittrice cilena. La perdita di Margarita per cancro, la terza di cinque sorelle molto unite, fa vacillare tutto il suo mondo. Ma invece di sfuggirgli, Marcela decide di abbracciare il suo dolore e di dedicarvisi interamente per cento giorni della sua vita. Ritirata in campagna, usa la scrittura come strumento di riflessione e introspezione, per mettere ordine fra i suoi pensieri e aprire gli occhi. E quelli che all’inizio sono solo appunti sparsi diventano presto un romanzo, per la prima volta in forma autobiografica. Denso di riferimenti letterari, da Philip Roth a Canetti, passando per Philippe Claudel, Brodskij, Freud, Virginia Woolf solo per citarne alcuni, con incursioni nei territori dell’infanzia e a volte persino un garbato umorismo, Il mantello è il racconto delle emozioni e dei sentimenti che si affrontano quando si perde una persona cara.

Scheda libro

Autore: Marcela Serrano
Traduttore: Michela Finassi Parolo
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 10 settembre 2020
Pagine: 176 p.
EAN: 9788807034077

Il nostro blog è senza pubblicità e offriamo tutti servizi gratuiti. Aiutaci a mantenerlo aperto con una piccola donazione

Pubblicato da Maria Teresa Lezzi Fiorentino

Maria Teresa Lezzi Fiorentino vive a Lecce, sua città natale, dedicandosi alla famiglia e al lavoro. Coltiva da sempre due grandi passioni, lettura e scrittura, per sé e per tutti coloro ai quali riesce a trasmettere il proprio entusiasmo. Il fulcro intorno a cui hanno ruotato i suoi scritti, articoli e recensioni, è stato per lungo tempo l’assetto metodologico-didattico, con un’attenzione particolare alla sfera emozionale e al benessere degli alunni. Dopo un appassionante percorso professionale in varie scuole del Salento, che ha visto l’autrice insegnante di scuola materna, psicopedagogista e docente di materie letterarie, nel 2018 avviene la svolta ed inizia una nuova stagione della vita,in cui la scrittura privilegia la narrazione, partendo dalla quotidianità e dalla memoria del tempo vissuto. È tempo di racconti brevi, lettere, autobiografie e recensioni. Sono dell’autrice, pubblicati con Youcanprint:Di vita in vita, La via maestra, Spigolando tra i ricordi, Passo dopo passo … e altri racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.