La dimensione dell’esilio di Marco Carone

La dimensione dell’esilio di Marco Carone.

“Ti allunghi su di me violando ogni distanza con la misura del solo respiro”.

Fin da subito si intuisce l’essenza dell’autore e la qualità dei suoi componimenti.

Una poesia che racconta dell’amore, quello che nasce senza neppure saperlo, quello che nutre ogni singolo giorno, quello che annienta la nostra anima, quello che rimane indelebile al di là dello spazio e del tempo.

La struttura di questa delicata raccolta di poesie è suddivisa in tre parti; ciascuna della quale intenta a sfiorare le nostre più nascoste emozioni e sensazioni.

Si percepisce questo bisogno di amare, di parlare, comunicare, “lottare” affinché i sentimenti non sbiadiscano del tutto. Così Marco Carone invita il lettore a “perdersi” tra ricordi, pensieri,speranze che da sempre risiedono nella nostra mente e al nostro cuore.

“Ma so di certo che nel tuo sorridermi c’è quello che noi siamo”.

“Lì diventò necessario il pretendere di appartenere alle tue labbra”

“E in questo smarrirsi tra me e te che teniamo ferma la vita al di là del tempo”

Questo è il momento della felicità, della complicità, del valore assoluto di due anime che si incontrano per assaporare attimi di pura felicità. Ma “dopo la quiete arriva sempre la tempesta”, mettendo in subbuglio l’equilibrio dei nostri respiri.

“Fino all’esaurirsi di un odio che ora mi confonde e mi fa dubitare persino di te”.

“Ora sei cambiata”

“un modo muto per implorarti di finirla”

L’amore prende coscienza che nella vita tutto muta, disorientando anche le certezze più solide. Un urlo silenzioso scuote il lettore di fronte ad un amore che sta vacillando.

I silenzi fanno così tanto rumore dentro alla nostra anima che appare quasi impossibile ignorarli.

“Emerge dai silenzi un esile amarci che ancora difendiamo dentro la nostra rovina”

“Dove ogni nostra promessa non regge e collassa nell’indifferenza”

Sono questi i temi principali che fanno da cornice a questa raccolta di poesie: l’assenza di comunicazione, l’indifferenza, l’incomprensione ma anche la voglia immensa di amare, di sognare, di perdersi nonostante tutto e tutti.

Perché i sentimenti sono radici profonde dentro il nostro essere, radici che daranno vita a nuovi amori senza mai dimenticare quelli che hanno già ricevuto la nostra linfa.

Concludo questa mia recensione con alcuni versi che rappresentano il trionfo del vero amore:

“Vorrei tanto spezzare questo confine tra noi per stringerti ancora”.

“Non ci sentivamo da giorni eppure fantasticavo con una mano sul volante aspettando chissà quale miracolo”.

Alessandra Di Girolamo

Titolo : La dimensione dell’esilio

Autore : Marco Carone

Editore :  Ensemble

Collana : Alter 

EAN: 9788868812874

Prezzo : € 12

(Mesagne, 1984) Attualmente è impegnato in progetti di didattica museale e di pittura sperimentale. La dimensione dell’esilio è la sua seconda raccolta poetica.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.