Un cielo perfetto di Lucia Campanella

Un cielo perfetto di Lucia Campanella

Un cielo perfetto di Lucia Campanella per Pav edizioni.

Un libro dalle emozioni forti, l’amore e sullo sfondo il sommergibile Invictus affondato durante la seconda guerra mondiale.

“Le persone che amo sono destinate ad andar via, in un modo o nell’altro.”

“Un cielo perfetto” leggo e intanto mi chiedo: per chi, per cosa? Ma soprattutto, quando il cielo è perfetto?
Ogni titolo, come sempre, mi dà da pensare e la lettura è, naturalmente, l’unica chiave per scoprirne il significato.
Spesso è necessario arrivare alla fine del libro per trovare ciò che ha ispirato la scelta dell’autore e, che ci trovi d’accordo o meno, ha poca importanza, perché intanto abbiamo letto la bella storia che ci ha affidato, con le emozioni che l’hanno accompagnata.
Mi accorgo presto che per godere appieno della lettura devo prima acquisire familiarità con i personaggi, con i luoghi e con gli eventi che s’alternano e si intrecciano.
Mi trovo infatti dinanzi ad un continuo andirivieni temporale dal presente al passato inseguendo le vite e i ricordi dei protagonisti che nella narrazione si avvicendano, quasi sconfinando l’uno nell’altro.
Insieme ai sommozzatori che scandagliano il fondale per scoprire la verità sull’Invictus, il sommergibile italiano affondato durante la seconda guerra mondiale, ci sono tre donne che si muovono sulla scena, con le loro vite di ieri e di oggi.
Sono Lina, Anita e Jane e, con loro, tutta la gamma dei sentimenti, in un parallelismo senza confini d’età, ciascuna alle prese con relazioni spesso conflittuali, tra incomprensioni, desideri e sogni infranti.
Le storie d’amore che s’intrecciano nella narrazione sono quelle di Lina e James, di Jane e Fabrizio, di Alberto e Anita, e quella di Teresa e Carmine che s’affaccia tra i ricordi.
Tra queste, non meno importante, è quella che lega Lina a Giulio, “quell’uomo dagli occhi scuri e penetranti, in cui aveva visto un guizzo di dolcezza che le aveva fatto venire in mente uno di quei cerbiatti dipinti nei volumi della biblioteca paterna”. Giulio, l’uomo compagno di una vita, che aveva fatto nascere sua figlia Anita, a cui aveva fatto da padre.
Sono tutte storie che fanno sognare, amori che superano ogni barriera, emozioni mai sopite, che il tempo ha cullato, anziché cancellare.
La narrazione è avvincente, ricca di descrizioni, ogni personaggio è ben definito e anche di quelli che appaiono occasionalmente e che ai fini della storia sono marginali, la scrittrice non rinuncia a darci un’immagine viva, tratteggiandoli con cura. Sono frasi che li fanno scolpire nella nostra mente.
Come accade con Mario, l’infermiere che cura James.
Aveva la carnagione chiarissima, i capelli rossi e un’espressione di benevolenza in un numero infinito di lentiggini che non scompariva mai dal suo volto. Era come se fosse avvezzo a essere sempre di buonumore e avesse il compito preciso di trasmetterlo ad altri.”
O con il vecchio pescatore che Fabrizio incontra, “dalla faccia rugosa e scura di sole seduto su uno scoglio,” che “riparava con ostinazione una rete a strascico. Sembrava essere lì da un tempo indefinito a impiegare tutte le energie, concentrare ogni sforzo e spingersi oltre le sue possibilità, al fine di sanare quello strappo che chissà quante altre volte lo aveva tradito e tormentato.”
Il viaggio che conduce le tre donne dall’Italia all’Irlanda darà loro le risposte che cercano? Per loro ci vuole “un cielo perfetto” per ricominciare, per ritrovarsi e riprendere in mano la propria vita, quello che occorre a Lina per superare la paura di perdere le persone care e ad Anita la sua perenne inquietudine.

“Quel cielo che rimandava tutti quei colori, quei toni di grigio e azzurro che sfumavano all’orizzonte in tonalità sempre nuove.”

È un libro dalle emozioni forti, per chi crede nella forza dell’AMORE, con le sue mille sfaccettature, quello capace di seguire percorsi differenti alla ricerca dell’anima gemella, l’amore per cui val sempre la pena lottare.

Maria Teresa Lezzi Fiorentino

La descrizione

Tre donne unite dal desiderio di scoprire la verità sul misterioso affondamento di un sommergibile italiano durante la seconda guerra mondiale.

Lina vive sola, a poca distanza dal mare che le ha sottratto suo fratello in circostanze poco chiare.

Sua figlia Agata si è allontanata da lei da quando ha scoperto una verità scomoda. Jane, una giovane ricercatrice inglese in fuga da un
matrimonio fallito, accetta un incarico che la porta a Salerno per far luce sulle tragiche vicende del sottomarino.

L’esperienza inaspettata di un viaggio mette alla prova la loro capacità di superare i limiti e di trovare un dialogo, nella speranza di rispondere a domande che attendono risposte da troppo tempo.

Dettagli libro

Autore: Lucia Campanella
Editore: Pav Edizioni
Collana: Romanzo
Anno edizione: 2021
In commercio dal: 28 marzo 2021
Pagine: 384 p., Brossura
EAN: 9791259730435

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerlo fai una donazione

Pubblicato da Maria Teresa Lezzi Fiorentino

Maria Teresa Lezzi Fiorentino vive a Lecce, sua città natale, dedicandosi alla famiglia e al lavoro. Coltiva da sempre due grandi passioni, lettura e scrittura, per sé e per tutti coloro ai quali riesce a trasmettere il proprio entusiasmo. Il fulcro intorno a cui hanno ruotato i suoi scritti, articoli e recensioni, è stato per lungo tempo l’assetto metodologico-didattico, con un’attenzione particolare alla sfera emozionale e al benessere degli alunni. Dopo un appassionante percorso professionale in varie scuole del Salento, che ha visto l’autrice insegnante di scuola materna, psicopedagogista e docente di materie letterarie, nel 2018 avviene la svolta ed inizia una nuova stagione della vita,in cui la scrittura privilegia la narrazione, partendo dalla quotidianità e dalla memoria del tempo vissuto. È tempo di racconti brevi, lettere, autobiografie e recensioni. Sono dell’autrice, pubblicati con Youcanprint:Di vita in vita, La via maestra, Spigolando tra i ricordi, Passo dopo passo … e altri racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.