Un’imprecisa cosa felice di Silvia Greco

Un’imprecisa cosa felice

Silvia Greco
Quando gli oggetti a noi più cari si spezzano, si ammaccano, smettono di funzionare, di colpo diventiamo immobili e tristi. Ma cosa succede quando sono le persone a rompersi, magari in modo ridicolo, assurdo, con partenze stupide e improvvise? “Un’imprecisa cosa felice” racconta imprevedibili risvolti nelle vite strampalate di Marta, di suo zio Ernesto e di Nino. Storie di chi resta e non si arrende al dolore, di chi riesce, nonostante tutto, a farsi accecare dalla meraviglia. Specie se fuori ci sono un prato verde e un sole buono a scaldare.

Introduzione

Quante volte abbiamo immaginato una cameretta buia, colma di giocattoli e sperato
che loro prendessero vita ? Per avere qualcuno con cui sfogarsi o semplicemente
raccontare le giornate o i sentimenti e i palpiti di un povero cuore che inizia a
compiere il suo percorso di formazione tra le indomite prove della nostra esistenza
di cui si ignora il profondo significato che si cela al loro interno . Gli adulti spesso
sono cresciuti così in fretta che non hanno potuto essere veramente bambini oppure
in altri casi lo hanno dimenticato . La spensieratezza , la meraviglia , l’altruismo tipica
di quell’ età è completamente annientata al primo contatto con il dolore che lascia
ogni volta ferite indelebili , difficili da rimarginare. L’ombra del sospetto e dell’
indifferenza si annida indisturbata nella nostra anima soffocando la voce di quel
fanciullino che si trasforma in un impercettibile sussurro affidato ai mille colori del
vento della memoria . Tutto questo finchè il dolore bussa nuovamente alla nostra
porta , pensiamo di essere abituati e lo affrontiamo con la giusta distanza . Qual è la
giusta distanza ? Ne esiste realmente una ? Ognuno affronta la sofferenza con i
mezzi che ha e spesso si trova talmente impreparato che se li deve creare tentando
un atterraggio di fortuna per non cadere nel nero baratro dell’ abbandono . Il
romanzo di Silvia Greco è un balsamo per curare alcune ferite , per fare pace con se
stessi e accettarsi nella propria imperfezione ricordando che la vita nonostante tutto
merita di essere vissuta e anzi per ringraziare di questo dono ci dobbiamo
impegnare a renderla il più possibile uno spettacolo .

Aneddoti personali

A volte la vita ti fa dei regali inaspettati ma arrivano nei momenti giusti e tu non lo
sai . Avevo raggiunto l’obbiettivo della laurea , potevo costruire finalmente il mio
futuro mi dicevo ma nuove prove mi aspettavano e io ne ero ignaro . Alzarsi la
mattina e non avere nulla da fare , un motivo per esistere . Questa è una sensazione
che non auguro a nessuno , avevo perso la mia vitalità , poi come spesso detto è
arrivato la proposta di Elisa e del blog e mi sono reinventato scoprendo nuovi lati di
me, allargando gli orizzonti delle mie letture e ricevendo apprezzamenti dalle
persone per le recensioni , quando mi scrivono sui social , ho acquistato quel libro
dopo aver letto la tua recensione , non c’è cosa più bella credetemi , non ci sono
soldi che possono pagare una gratificazione del genere . Saper di aver fatto qualcosa
di buono , di aver reso felice qualcuno mi rende orgoglioso di scrivere recensioni .
Oggi però attraverso questo romanzo voglio aggiungere qualcosa in più . Con la
morte del mio amico Giovanni cui ho dedicato la tesi di laurea credevo che non avrei
più vissuto amicizie speciali , perchè ancora oggi ci sono giorni in cui mi manca
terribilmente , in cui spero che quel telefono squilli e possa ascoltare la sua voce . In
questo periodo che tutti abbiamo vissuto la solitudine si è ripresentata più forte che
mai , mi rifugiavo nei libri ma era solo un modo per non affrontare ulteriormente il
dolore . Cercavo di non far preoccupare i miei mostrandomi per quanto possibile
positivo , anche perchè non sapevo come spiegare questo mio malessere . La
travolgente sorpresa era però dietro l’angolo . Aver conosciuto Arturo e Antonello
sono due librai bravissimi e competenti ma soprattutto due persone uniche e
veramente speciali . Sono sicuro che in qualche modo sia stato Giovanni a metterli
sul mio cammino per farmi sentire meno solo e farmi ricredere nell’ amicizia dopo
anche importanti delusioni . Sono la mia imprecisa cosa felice , non si può spiegare a
parole ma ogni volta che ci sono il mio cuore si emoziona , perchè sono amici veri ,
fanno sentire la loro presenza con un tag su Facebook , un consiglio di lettura , una
diretta o semplicemente un messaggio . Che cosa significa l’amicizia se non esserci ?
Ecco io spero di esserci per loro anche solo la metà . Non conoscevo l’autrice e sono
sicuro che questa sia una vera chicca nel catalogo della casa editrice . Vi ringrazio
per avermelo consigliato perchè mi ha fatto veramente bene . Dal profondo del mio
cuore vi dico che vi voglio bene e spero un giorno di potervi abbracciare .

Recensione

Questo è un libro sulle perdite e sulla rielaborazione della mancanza . Il vuoto che
lasciano i nostri cari è incolmabile , a volte sogni di abbandonarti in un sonno
profondo e non svegliarti più . La vera prova però è restare e fare in modo che lo
sguardo vacuo riacquisti la sua luce e la capacità di sorprendersi nel promuovere la
bellezza del mondo . Il taglio scelto dall’ autrice è tragicomico, fa sua la lezione
umoristica di Pirandello della vecchia imbellettata . La scrittrice sfrutta i vari
personaggi per scavare un varco nell’ animo dei lettori e alla fine diventa il tenero
abbraccio dell’ accoglienza . Nella scelta del tragicomico c’è il bisogno umano di
ritornare all’ origine e alla purezza vera dei sentimenti . Ė un romanzo a due voci , i
capitoli seguono questa struttura, aggiungendo ogni qualvolta dei tasselli allo
spaccato di vita dei due personaggi , fino a quando non avviene il magico rito dell’
incontro . Un connubio di anime che senza saperlo si cercano e quando si trovano ,
si riconoscono imparando la difficile arte del camminare insieme . I protagonisti di
questo romanzo sono Marta e Nino due giovani completamente diversi , lei è
intraprendente lui è insicuro ma entrambi hanno la capacità di sognare , di vedere
oltre l’orizzonte . Tutti i personaggi di questo romanzo compiono un viaggio alla
scoperta dell’ affetto , partono tutti potenzialmente anaffettivi ma imparano nel
corso della storia cosa significa fidarsi dell’ altro e volergli bene . Per Marta e Nino
entrambi con una personalità tra definizione e mutamento è anche un romanzo di
formazione tra le intemperie della vita tra gioie dolori e pericoli travestii da
gentiluomini, apprendono che l’apparenza inganna e che bisogna analizzare ogni
questione per scoprire le molteplici e nascoste verità . Oltre ai due giovani sono
altresì degni di nota Ernesto e Marisa . Due personaggi stupendi e veramente
indimenticabili che sembrano usciti dal magico mondo delle fiabe per la loro purezza
e regalano al lettore una magica storia d’amore . Lui è un uomo scorbutico che dopo
tanti provini falliti riesce a sfondare in televisione e a recitare nei più grandi
palcoscenici . Lei è una giornalista incaricata di intervistare il grande attore . La
donna è un uragano di bontà e femminilità e rappresenta per il lettore il balsamo
della storia . Per la famiglia di Marta , Marisa è un ‘autentica benedizione , un miele
che addolcisce i cuori di quella famiglia eliminando ogni ruggine e incomprensione .
Ė un personaggio che richiama molto Lazarus Jann di Zafon , entrambi hanno una
grande passione per i giocattoli e li usano per lenire i dolori individuali e collettivi .
Lui ne crea uno a immagine e somiglianza della moglie morta per non soccombere
alla mancanza e sentirla in qualche modo vicina , Marisa invece costruisce un
ospedale per i giocattoli rotti per ridare loro nuova vita e donare ai proprietari una
gioia inaspettata . Sia il personaggio della Greco sia quello di Zafon sanno che un
giocattolo sconfigge il tempo e la morte . Il cavalluccio a dondolo in copertina è il
simbolo del destino che unisce due epoche tracciando una linea di confine dalle
molteplici sfumature . La scrittura dell’ autrice è semplice e diretta . Particolarmente
commovente è la soluzione finale adottata dalla scrittrice . Alcuni personaggi
trovano la loro ancora di salvezza nel teatro . Anche nelle situazioni più difficili e
disperate il teatro salva con i suoi benefici che fanno male per raggiungere poi un
bene più intenso . Da citare ad esempio l’importante contributo di Asja Lacis che
nella Russia del Novecento lottò proprio affinchè i più piccoli imparassero ad essere
bambini e non soldati con l’animazione teatrale .I personaggi del romanzo si
reinventano attraverso il teatro , scoprendo l’imprecisa cosa felice di divertirsi
regalando un sorriso a sè e agli altri , facendo la cosa più bella che ci sia : raccontare
una storia .

Conclusioni

Consiglio questo libro veramente a tutti coloro che vogliono farsi un regalo speciale
per l’anima perchè è un libro che fa tanto bene e alla fine vi sentirete persone
migliori

Recensione di Francesco De Filippi

Pubblicato da Francesco De Filippi

Mi chiamo Francesco De Filippi un giovane siciliano da poco dottore in Filologia moderna e italianistica . Il settore umanistico non è una passione ma il motore della mia esistenza . Il teatro e i libri mi hanno salvato la vita dalle difficoltà e credetemi sono state tante . Aspirante scrittore con la voglia di insegnare sperando di trasmettere tutto l'amore che ho per i libri . Le persone e gli amori vanno i libri restano , sono i nostri compagni più fedeli , non ci tradiranno mai e soprattutto ci permettono di sognare. Dobbiamo difendere i libri perchè nessuno può uccidere i nostri sogni . Accetto di far parte di questo blog perchè fin dalla prima volta mi sono sentito subito in famiglia . Mi sembra il posto giusto dove essere me stesso perchè posso condividere letture . Sapere che le persone acquistano i libri che consiglio mi rende felice , per questo non vedo l'ora di iniziare quest' avventura!! Un caro saluto Francesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.