“M. L’Uomo della Provvidenza”, di Antonio Scurati

"M. L'Uomo della Provvidenza", di Antonio Scurati

“ Bisogna porsi delle mete per avere il coraggio di raggiungerle” (Benito Mussolini)

Chi è l’Uomo della Provvidenza, e perché è stato così definito? L’Uomo della Provvidenza è Benito Mussolini, così definito da Papa Ratti, Pio XI, nel 1929, dopo la sottoscrizione dei Patti Lateranensi che stabilivano per la prima volta un Concordato tra Stato e Chiesa. Il Papa definì Mussolini “Quell’uomo che la Provvidenza ci ha fatto incontrare”, ed è esattamente così che molta gente, allora, guardava al Duce, le cui gesta avrebbero provveduto ai loro bisogni: a quelli del singolo, tanto quanto a quelli della comunità.

L’Uomo della Provvidenza, è il secondo volume della “saga mussoliniana”di Antonio Scurati. Non ci troviamo davanti a un romanzo storico, tanto meno a un saggio, bensì a una storia romanzata che attraverso le ricostruzioni storiche e i documenti del periodo, narra da una prospettiva diversa rispetto ai canoni cui si è abituati, l’epoca fascista. Qui a emergere non è tanto la figura dello statista quanto quella dell’uomo: il Duce che racchiuso tra le quattro mura di una stanza in nulla si differenzia dall’ ”uomo comune”, con le sue paure, le sue debolezze, i suoi demoni personali e quella solitudine che insieme agli spasmi del dolore e della sofferenza fisica, accompagnano il lettore, fin dall’apertura del libro, in un tour pulp tra le viscere e lo stomaco di Mussolini, bisognosi di espellere vomito, sangue e secrezioni varie, che l’autore non disdegna di raccontare fin nei minimi dettagli. Il libro copre un periodo storico compreso tra il 1925 e il 1932 e, man mano che si procede nella lettura, ci si rende conto che in realtà non sempre sui libri storia si è avuto modo di approfondire, se non addirittura venire a conoscenza, di eventi appartenenti a un passato non troppo remoto, ma a volte quasi del tutto omesso, come il racconto delle vicende del colonialismo italiano in Libia e tutte le atrocità commesse.
Non avendo letto il primo volume “L’Uomo del Secolo”, che dà avvio a quella che sembra possa essere una tetralogia, non ho possibilità di confronto né dal punto di vista narrativo, tanto meno da quello linguistico e stilistico. E’ sicuramente uno di quei testi che divide il popolo dei lettori, controverso nell’appagare in maniera equilibrata i gusti letterari di ognuno di essi.
Ben evidenziata l’ascesa al potere di Mussolini che troviamo però a destreggiarsi fra le lotte intestine di chi ha di fondo un mero tornaconto personale ma le cui descrizioni, a volte, mancano di una e propria obiettività. Ben delineate, le abilità governative del Duce e delle azioni non proprio virtuose dei personaggi intorno a lui, tanto quanto la mancanza di volontà o di capacità da parte del monarca di impedire l’affermarsi del partito fascista. Avrebbero sicuramente meritato più attenzione donne come Donna Rachele e sua figlia Edda, vedova di Galeazzo Ciano. Nell’immaginario comune di molti, probabilmente, il personaggio nato dalla penna di Scurati diventerà la reale immagine dell’Uomo della Provvidenza … il personaggio finirà col prendere il sopravvento sulla persona.

La narrazione, prolissa, lenta, contorta a volte, stilisticamente impeccabile ma con un ricco utilizzo di vocaboli desueti che, a tratti, impediscono il proseguo della lettura senza essere prima costretti a ricercarne l’esatto significato, è intervallata da stralci di documenti originari che ne avvalorano la ricostruzione storica. Un testo impegnativo che richiede attenzione dall’inizio alla fine e che presenta in alcuni punti delle difficoltà che si arranca a superare.

Il finale lascia il lettore appeso al filo della curiosità sul prossimo viaggio narrativo … Un volume importante che gli amanti e appassionati del genere non potranno non apprezzare.

Teresa Anania

Antonio Scurati con M Il figlio del secolo vince il Premio Strega 2019

Il tempo migliore della nostra vita, Antonio Scurati

DESCRIZIONE:

All’alba del 1925 il più giovane presidente del Consiglio d’Italia e del mondo, l’uomo che si è addossato la colpa dell’omicidio di Matteotti come se fosse un merito, giace riverso nel suo pulcioso appartamento-alcova. Benito Mussolini, il “figlio del secolo” che nel 1919, rovinosamente sconfitto alle elezioni, sedeva nell’ufficio del Popolo d’Italia pronto a fronteggiare i suoi nemici, adesso, vincitore su tutti i fronti, sembra in punto di morte a causa di un’ulcera che lo azzanna da dentro. Così si apre il secondo tempo della sciagurata epopea del fascismo narrato da Scurati con la costruzione e lo stile del romanzo. M. non è più raccontato da dentro perché diventa un’entità distante, “una crisalide del potere che si trasforma nella farfalla di una solitudine assoluta”. Attorno a lui gli antichi camerati si sbranano tra loro come una muta di cani. Il Duce invece diventa ipermetrope, vuole misurarsi solo con le cose lontane, con la grande Storia. A dirimere le beghe tra i gerarchi mette Augusto Turati, tragico nel suo tentativo di rettitudine; dimentica ogni riconoscenza verso Margherita Sarfatti; cerca di placare gli ardori della figlia Edda dandola in sposa a Galeazzo Ciano; affida a Badoglio e Graziani l’impresa africana, celebrata dalla retorica dell’immensità delle dune ma combattuta nella realtà come la più sporca delle guerre, fino all’orrore dei gas e dei campi di concentramento. Il cammino di M. Il figlio del secolo – caso letterario di assoluta originalità ma anche occasione di una inedita riaccensione dell’autocoscienza nazionale – prosegue qui in modo sorprendente, sollevando il velo dell’oblio su persone e fatti di capitale importanza e sperimentando un intreccio ancor più ardito tra narrazione e fonti dell’epoca. Fino al 1932, decennale della rivoluzione: quando M. fa innalzare l’impressionante, spettrale sacrario dei martiri fascisti, e più che onorare lutti passati sembra presagire ecatombi future.

AUTORE: Antonio Scurati

TITOLO: M. L’Uomo della Provvidenza

EDITORE: Bompiani

COLLANA: Narratori Italiani

USCITA: 23.09.2020

PAGG: 656 – Brossura

PREZZO:€. 23,00

EAN: 9788830102651

Pubblicato da Teresa Anania

Eccomi..... Sono Teresa Anania, e ho una passione sfrenata per i libri. Un amore iniziato ad otto anni e cresciuto nel tempo. Amo scrivere e riversare, nero su bianco, emozioni, sentimenti e pensieri concreti e astratti. La musica è la colonna sonora della mia vita. Ogni libro lascia traccia dentro di noi e con le recensioni, oltre a fornire informazioni "tecniche", si tenta di proiettare su chi le leggerà, le sensazioni e le emozioni suscitate. Beh..... ci provo! Spero di riuscire a farvi innamorare non solo dei libri ma della cultura in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.