Tra i segreti di Villa Aurelia, di Brunella Giovannini

Autore: Brunella Giovannini

Titolo: Tra i segreti di Villa Aurelia

Editore: Leucotea

Anno: 2016

Pagg. 120-Brossura

Prezzo: €. 13,90

 

..Il tempo non è altro che un’oscillazione infinita di cicli, grandi onde di energia che palpitano nell’universo, capaci durante il loro percorso di creare un ponte tra passato e futuro;  ma il tempo non riesce a mantenere i segreti e prima o poi, racconta tutta la verità.……

Attualità, segreti, misteri e verità, è questo il trend attraverso il quale si snocciola l’intera vicenda di questo romanzo. Un giallo/noir a tinte rosa dove la maggior parte dei personaggi sono di sesso femminile. Un romanzo misterioso che si dirama alternandosi tra passato e presente concatenando gli eventi in maniera semplice, brillante e d’effetto. Ambientato in Italia tra Emilia, Calabria e Trentino, l’autrice affronta con grande naturalezza e senza mai risultare banale o scontata, grandi temi di attualità. Diana è la protagonista principale del romanzo, una donna emiliana che si trasferisce in Calabria per insegnare in una scuola media. Qui conosce Gaetano, uomo per bene e di buona famiglia del quale si innamora e con cui avrà due figli. Ma le belle favole non sempre hanno un lieto fine e, Diana si troverà a dover crescere da sola i figli in una località segreta del Trentino dove la Polizia l’ha nascosta per proteggerla dalle minacce subite successivamente alla morte del marito. Gaetano muore per una vendetta trasversale ad opera della malavita locale e, di punto in bianco, Diana perde quelle certezze e sicurezze che riempivano la sua vita.  Qui conoscerà una coppia non più in giovanissima età, che la prenderà sotto la propria ala protettrice e con la quale si verrà ad instaurare un meraviglioso rapporto di amicizia disinteressata. Neanche Olga, la mamma di Diana, che pur se in circostanze diverse si è ritrovata anche lei a crescere la figlia da sola, è a conoscenza della località in cui è nascosta. Il loro legame è mantenuto vivo da una serie di messaggi epistolari, circolanti per mano delle forze dell’ordine, grazie ai quali Diana viene a conoscenza della situazione in cui si trova a vivere la madre dopo il grave terremoto che ha colpito il suo paese di origine in Emilia. Ma mai nulla avviene per caso ed è “grazie” al terremoto che Olga  ritroverà qualcosa che affonda le radici nel 1600, collegato ad una tragica storia d’amore che vede direttamente coinvolto Ferrante II Gonzaga, rivelandone attraverso quattro secoli di storia, un legame con Diana.  Un intreccio continuo tra passato e presente quindi dove mai nulla è come sembra, e dove fatti realmente accaduti vengono magistralmente fusi a tematiche di pura fantasia, senza mai apparire scontati, banali, tanto meno superficiali o privi di filo logico.  E’ una lettura molto intrigante dove le rivelazioni legate alla vita di Diana vengono narrate poco per volta. Un romanzo introspettivo che fornisce grandi elementi e punti di riflessione, dove tutto rimanda in maniera esemplare alla caducità della vita umana. Crediamo, erroneamente, di essere invincibili e immortali, che niente e nessuno possa scalfire le nostre fondamenta, ma non è così… Ed ecco che “basta” un terremoto per far crollare tutto e non solo dal punto di vista emozionale e metaforico. Arriva la mano dell’uomo che, convinto di aver subito un torto, decide di farsi giustizia paragonandosi quasi a Dio.  Diana è una donna forte, tenace, volitiva; il suo personaggio è definito e caratterizzato in maniera eccelsa. E’ una donna che non si abbatte, che si trova a dover rivoluzionare la propria vita trasferendosi lontano da casa in una realtà diversa dalla sua, il mondo inizia a sorriderle, trova l’amore, diventa mamma per ben due volte, quando arriva quel quid che la fa sprofondare nel baratro, ma è una donna, e in quanto tale, dotata di innata capacità di rialzarsi dalle proprie ceneri, di forza sovrumana nell’affrontare le avversità e tutto ciò che ne consegue. Traspare, leggendo, ogni emozione e ogni sentimento provato, si attacca alla pelle e all’anima. Si respirano l’amore, il dolore, la sofferenza, la rabbia, la solitudine, la paura, l’angoscia, il distacco, la speranza, la forza, il coraggio, la volontà e la fiducia in un mondo migliore. Nonostante tutto! Ed è proprio questo il messaggio dell’intero romanzo, la speranza e la certezza che possa esserci una soluzione sempre, comunque e nonostante tutto. Occorre trovare dentro di noi la positività e la forza per reagire a tutti gli ostacoli e le avversità che la vita ci pone davanti quotidianamente. E’ un romanzo positivo, semplice, fluido, ben scritto, scorrevole; una lettura piacevole, coinvolgente, che commuove, emoziona  e fa pensare. Regala con delicatezza un’ampia visione sul qui ed ora  senza tralasciare nulla di quel passato cui si deve la vita quotidiana e che spesso, in maniera oscura, subdola e incomprensibile riesce a legare ed influenzare misteriosamente, vite apparentemente singolari e accomunate da nulla. Una narrazione che abbraccia una moltitudine di elementi capaci di proiettare il lettore in ambienti e periodi storici attuali e remoti. Tante vicende per un’unica storia la cui lettura non lascia indifferenti e che mi sento assolutamente di consigliare a tutti.

Teresa Anania

Brunella Giovannini è nata e vive a Reggiolo (RE). Ama scrivere da sempre ma solo negli ultimi anni  si è dedicata a questa sua passione. Ha iniziato con testi poetici che hanno ottenuto riconoscimenti in importanti Premi Letterari e sull’elaborazione di  una sua poesia, scrive il romanzo “Un volo di farfalle” pubblicato nel 2015 da Edizioni Leucotea e si aggiudica il 3° premio per la narrativa edita nella 40° edizione del “Premio Città di Fucecchio”.  Nel 2016, Edizioni Leucotea pubblica  il suo secondo romanzo dal titolo “Tra i segreti di Villa Aurelia” che ottiene il 3° premio per la narrativa edita  nell’ottava edizione del Concorso Letterario promosso dall’Associazione “Club della Poesia” di Cosenza.

TRAMA:

Villa Aurelia, uno tra gli edifici storico-rurali più significativi della bassa reggiana, é stata la residenza di campagna preferita di Ferrante II Gonzaga, duca di Guastalla.  Sembra che quel luogo abbia custodito la testimonianza di una grande storia d’amore, finita tragicamente.  L’evento sismico che nel 2012 ha sconvolto l’Emilia,  provocando numerosi crolli, ha portato alla luce segreti  rimasti nascosti per secoli. Dalla lettura di un documento rinvenuto nel doppio-fondo di un baule, Diana diventa consapevole di essere direttamente legata a quei segreti e che le avversità e gli avvenimenti dolorosi che negli anni hanno funestato lei e la sua famiglia, forse sono imputabili a un maleficio che si trascina nel tempo.  Trasferitasi dalla pianura padana a un piccolo paese ai piedi dell’Aspromonte per insegnare lettere, incontra e sposa Gaetano, ricco proprietario terriero e gestore della farmacia locale. Dopo un  attentato in cui perde la vita anche il marito e in seguito a minacce, viene costretta a trasferirsi insieme ai suoi figli, in un luogo dell’Alto Adige, sotto protezione. Il dolore e la lontananza forzata dai propri cari, mettono a dura prova il suo temperamento ma l’affetto ricevuto da due anziani vicini di casa, riesce a mitigare le difficoltà quotidiane. Solo nel momento in cui potrà tornare nel paese natio, scoprirà che anche il luogo tra i monti dove ha vissuto negli ultimi anni, è strettamente legato al passato. In un quadro attuale che vede il terremoto, la ricostruzione e l’infiltrazione mafiosa in Emilia, avvenimenti che domani saranno storia, Diana si rende conto che in fondo il tempo è solo un insieme di cicli, capaci di costruire un ponte tra passato, presente,  futuro e dove tutto sembra essere collegato;  ma il tempo non riesce a mantenere i segreti e prima o poi, racconta tutta la verità.

 

 

Pubblicato da Teresa Anania

Eccomi..... Sono Teresa Anania, e ho una passione sfrenata per i libri. Un amore iniziato ad otto anni e cresciuto nel tempo. Amo scrivere e riversare, nero su bianco, emozioni, sentimenti e pensieri concreti e astratti. La musica è la colonna sonora della mia vita. Ogni libro lascia traccia dentro di noi e con le recensioni, oltre a fornire informazioni "tecniche", si tenta di proiettare su chi le leggerà, le sensazioni e le emozioni suscitate. Beh..... ci provo! Spero di riuscire a farvi innamorare non solo dei libri ma della cultura in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.